Questo sito contribuisce all’audience di


La vigna di Leonardo al magnate Arnault: mistero sul prezzo

Il magnate Bernard Arnault, uno degli uomini più ricchi al mondo, ha acquistato Casa degli Atellani con la vigna di Leonardo: mistero sul prezzo

Vigna Leonardo: mistero sul prezzo

Casa degli Atellani, la dimora gioiello di corso Magenta a Milano con la vigna che fu anche di Leonardo Da Vinci, è stata acquistata da Bernard Arnault, imprenditore francese nonché uno degli uomini più ricchi al mondo.

Nel 1490 la splendida dimora milanese venne donata da Ludovico il Moro a Giacometto di Lucia dell’Atella il quale, otto anni più tardi, decise di regalare la vigna nei terreni dietro la casa a Leonardo Da Vinci che proprio in quel periodo stava dipingendo uno dei suoi capolavori, L’Ultima Cena nel refettorio di Santa Maria delle Grazie.

La vigna ammontava a quasi 8 mila metri quadrati: nel corso dei secoli è scomparsa, ma è stata poi ricostruita grazie a un lavoro minuzioso, con l’inaugurazione avvenuta nel 2015 in occasione dell’Expo a Milano. Quella passata nelle mani di Arnault è l’unica vigna al mondo ancora esistente nel centro storico di una metropoli: al giorno d’oggi produce la stessa malvasia che veniva prodotta ai tempi di Leonardo.

Il reimpianto filologico della vigna di Leonardo Da vinci è stato effettuato in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, inserita all’interno della classifica riservata alle migliori università al mondo secondo il Qs World University Ranking 2023: alcune ricerche dei residui biologici vivi delle radici originarie, rinvenute in fase di scavo manuale, hanno permesso di identificare il ceppo di appartenenza della vigna.

Quanto è costata Casa degli Atellani con la vigna di Leonardo?

L’acquisto di Casa degli Atellani da parte di Bernard Arnault è avvenuto al termine di una trattativa riservata e caratterizzata da una grande discrezione, tant’è vero che le cifre dell’operazione sono ancora avvolte nel mistero e non sono state rese note.

Ancora da capire quale sarà l’uso che Arnault farà della sua nuova proprietà: al momento Casa degli Atellani è aperta al pubblico per le visite e anche per le brevi permanenze in affitto in uno dei suoi sei appartamenti, naturalmente con prezzi consoni al valore della location.

La proprietà è molto apprezzata dai più grandi marchi mondiali della moda, su tutti Dior e Swarovski che l’hanno scelta per diversi eventi esclusivi. Nel 2018, inoltre, Dolce & Gabbana hanno deciso di organizzare a Casa degli Atellani una memorabile sfilata d’alta moda.

Storicamente inserita nel Sestiere di Porta Vercellina, Casa degli Atellani è l’ultima traccia ancora esistente dell’antico Borgo delle Grazie: al giorno d’oggi è situata ai numeri 66 e 67 di Corso Magenta a Milano, eletta come una delle mete preferite dai turisti stranieri per le vacanze in Italia.

La dimora risale al XV Secolo all’epoca di Ludovico Il Moro, Signore di Milano che concesse numerosi permessi di edificazione ai cortigiani e ai collaboratori, con l’obiettivo di rendere l’asse viario dell’antico borgo di Porta Vercellina un prestigioso contorno della chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Adesso Cada degli Atellani è proprietà di Bernard Jean Étienne Arnault, fondatore, Chairman e CEO di LVMH, la più grande compagnia transalpina che controlla gran parte del mercato della moda e del lusso a livello internazionale: il patrimonio stimato dell’imprenditore francese, secondo nella classifica degli uomini più ricchi al mondo, è di 140 miliardi di dollari.