Raoul Bova in Puglia: i suoi pomodori sono diventati un "caso"

I pomodori raccolti dall'attore Raoul Bova nella sua masseria in provincia di Brindisi, in Puglia, sono diventati un caso: cosa è successo e perché

Raoul Bova

I pomodori raccolti da Raoul Bova nella sua tenuta in Puglia, sono diventati un “caso“. Il popolare attore ha condiviso alcuni scatti del suo “bottino”, con la didascalia: “Oggi un lavoro di squadra per la tradizione. Grandi soddisfazioni e giornata indimenticabile”.

Raoul Bova e i suoi pomodori pugliesi: il “caso”

La notizia è stata rilanciata anche da ‘Inchiostro di Puglia’, una community online composta da oltre 450mila utenti. Il messaggio con cui è stata accompagnata la notizia (“Raoul Bova festeggia i suoi 50 anni in una masseria in Puglia facendo la salsa con la sua famiglia”) ha creato l’equivoco. Diversi utenti, infatti, hanno segnalato che i pomodori raccolti da Raoul Bova non sono adatti per fare la salsa.

I vari commenti: “Con quelli può fare l’insalata”, “Ci vuole il pomodoro di Mola”, “Ci vogliono i San Marzano per la salsa”. Per l’occasione è stato anche ribattezzato un popolare modo di dire pugliese (“Ti devo imparare e ti devo perdere”), utilizzato quando si corregge un errore.

La masseria pugliese di Raoul Bova

Risale al 2019 l’apertura della masseria pugliese di Raoul Bova: si tratta di una tipica masseria pugliese fortificata, risalente al 1600, immersa tra uliveti secolari, aranceti, orti e arbusti di rosmarino.

La struttura include anche una piccola chiesa del Settecento, dedicata alla Madonna di Madia. Il complesso, recentemente ristrutturato, conta 15 camere, di cui 5 suite. Sono presenti anche una piscina e un antico frantoio.

La Masseria San Giovanni (questo il nome della tenuta) si trova in Contrada Ottava, nell’area di Fasano-Montalbano. in provincia di Brindisi.

Il gesto di Raoul Bova durante la prima emergenza Coronavirus

Durante la prima fase dell’emergenza Coronavirus in Italia, Raoul Bova, volontario della Croce Rossa Italiana, ha deciso di mettere la sua masseria in Puglia a disposizione della Croce Rossa.

In quell’occasione, il popolare attore aveva dichiarato all”Ansa’: “Ho messo a disposizione la mia masseria in Puglia, se ne avessero bisogno. Io ammiro davvero il lavoro di questi volontari che arrivano alla Croce Rossa Italiana per tanti motivi e che, nell’aiuto agli altri, trovano una ragione importante, una missione oggi più che mai necessaria a tutti i livelli, dal semplice fondamentale abbraccio alle persone sole agli aiuti sanitari”,