Il panino più caro d'Italia: mappa dei prezzi regione per regione

Da nord a sud passando per il centro: dove si spende di più e di meno per comprare un panino nelle varie regioni d'Italia

Panino

Il panino rappresenta uno dei pasti preferiti dagli italiani: da soli, con gli amici, in pausa pranzo dal lavoro o anche in famiglia quando si ha poco tempo per cucinare, è spesso un’alternativa gustosa e veloce ad un pasto completo.

In base agli ingredienti e a seconda delle zone d’Italia in cui lo si acquista, il prezzo di un panino può variare molto di regione in regione. Uno acquistato a Lecco, per esempio, può costare anche tre volte in più rispetto allo stesso panino comprato a Terni, passando da 4,86 euro a 1,60. Ad evidenziarlo è il Rapporto Ristorazione 2019 della Fipe, la Federazione italiana pubblici esercizi di Confcommercio.

Il rapporto ha analizzato i prezzi dei 148 mila bar della penisola, andando a stilare la mappa dei panini più cari in tutta Italia, regione per regione. A fare la differenza in termini di costo per i clienti, sono diversi fattori: tra questi anche e soprattutto la collocazione degli esercizi. Un panino venduto in una località turistica o nei centri storici delle grandi città, ad esempio, costa di più rispetto alle periferie.

Nella classifica scaturita dai dati analizzati e pubblicati nel Rapporto Ristorazione 2019 della Fipe, Federazione italiana pubblici esercizi di Confcommercio, il panino più costoso d’Italia si acquista a Lecco, dove costa 4,96 euro. Al secondo posto troviamo Reggio Emilia con 4,38 euro, seguita da Pordenone, ai piedi del podio con 4,35 euro.

Tra le città con valori medi al di sopra dei 4 euro ci sono anche Milano e Brescia con 4,29 euro. Seguono Trento e Aosta, entrambe con 4,06 euro. Roma si piazza a metà classifica: il prezzo medio di un panino nella capitale, magari la classica rosetta con mortadella o salame, costa al cliente 3,12 euro. A Torino, invece, si spende leggermente di meno: 3,12 euro.

Prezzi contenuti a Napoli, dove un panino farcito si paga in media 2,75 euro. A Verona, patria di Romeo e Giulietta e meta di molte coppie in vista di San Valentino, il prezzo medio sfiora i 3 euro (2,99), meno di Venezia dove, invece, si pagano 3 euro e 50 centesimi.

Il panino meno costoso d’Italia si può consumare nei bar di Terni: nella città dell’Umbria costa in media 1,60 euro. Prezzi tendenzialmente abbordabili nelle regioni del centro Italia: a Lucca si paga in media 1,71 euro, mentre ad Arezzo non più di 1,89 euro.