A Ostia una tartaruga Caretta Caretta ha deposto 104 uova

Sulla spiaggia di Ostia, una tartaruga gigante ha deposto più di 100 uova: grande sorpresa per i bagnanti, perché questa è la prima volta

I bagnanti del lido di Ostia hanno avuto una splendida sorpresa: una tartaruga gigante ha deposto ben 104 uova sulla spiaggia, un evento che non ha precedenti in questo luogo. Immediato l’intervento della Guardia Costiera e degli uomini di Tartalazio, che hanno messo in sicurezza la covata.

Ostia, tartaruga Caretta Caretta depone le sue uova in spiaggia

È un evento eccezionale, quello che ha avuto luogo ad Ostia in questo inizio di estate: finora mai una tartaruga marina gigante era stata avvistata sulle sue spiagge – sebbene vi siano numerosi precedenti in luoghi come Ventotene, Ladispoli e Torvaianica. Nella notte di martedì 22 giugno, sul lungomare Duca degli Abruzzi, un pescatore ha dato l’allarme dopo aver notato una tartaruga Caretta Caretta intenta a deporre le sue uova.

“Ho visto un qualcosa che usciva dall’acqua. Ho pensato inizialmente fosse un uomo a carponi in difficoltà che cercava di raggiungere la riva, così mi sono avvicinato” – ha raccontato il pescatore a Il Messaggero – “Ho visto che era una tartaruga gigante. Ha deposto le uova sulla sabbia e poi è ritornata in mare. Una scena incredibile”.

La mattina seguente, con grande stupore dei bagnanti, il luogo era già stato messo in sicurezza dalle forze dell’ordine, che hanno transennato l’intera area per evitare qualsiasi compromissione in attesa dei biologi specialisti. In un’operazione congiunta tra Guardia Costiera e Tartalazio, l’ente che si occupa del recupero e del soccorso delle tartarughe marine, è stato allestito un corridoio tra il nido e il mare, affinché il passaggio restasse libero e facilmente accessibile.

Recuperate le uova di tartaruga Caretta Caretta, pronto il trasferimento

Le operazioni di recupero sono iniziate immediatamente. I biologi sono intervenuti sul luogo per presidiare la covata, sotto lo sguardo incuriosito dei bagnanti che hanno trovato la splendida sorpresa nel raggiungere la spiaggia la mattina seguente. Dopo aver valutato i rischi, è stato disposto il trasferimento delle uova in un luogo più sicuro.

I biologi hanno infatti considerato troppo elevato il pericolo che qualche bagnante o una mareggiata potessero travolgere il nido. Ha avuto così inizio la delicata operazione che ha permesso agli esperti di spostare le uova a Castel Porziano, nella tenuta del Presidente della Repubblica che, per la prima volta, apre i battenti per un progetto così importante: la salvaguardia delle tartarughe marine.

È stato necessario ricreare il nido con accuratezza, per garantire alle uova la migliore condizione per la loro schiusa. Una volta estratte e numerate, le uova sono state infatti inserite in una nuova camera situata alla medesima profondità, nell’ordine esatto in cui erano state deposte dalla tartaruga Caretta Caretta. Questa volta, però, in un luogo più sicuro.