Il NYT celebra il Montepulciano d'Abruzzo: i vini consigliati

Il New York Times nella rubrica Wine School tenuta dall'enologo Eric Asimov elogia il Montepulciano d'Abruzzo, un vino rosso DOC ideale per i pasti

Montepulciano d'Abruzzo elogiato dal New York Times

I vini italiani conquistano titoli e riconoscimenti dagli enologi più esperti tanto da essere sempre più apprezzati in tutto il mondo. L’ultimo elogio viene assegnato al Montepulciano d’Abruzzo direttamente dall’autorevole voce del New York Times che lo definisce un vino semplice da utilizzare nella quotidianità.

Montepulciano d’Abruzzo: il vino elogiato dal New York Times

La produzione enologica italiana viene sempre più apprezzata in tutto il mondo, dopo il recente successo dell’Amarone della Valpolicella intitolato miglior rosso al mondo è un vino del centro Italia ad attirare l’attenzione degli esperti di vino esteri.

Il New York Times con il suo speciale elogio premia il Montepulciano d’Abruzzo come un perfetto esempio di vino semplice da gustare ogni giorno, senza dover attendere cerimonie o occasioni speciali. A firmare il pezzo è l’enologo Eric Asimov che nella celebre rubrica Wine School che ricorda anche quanto tempo abbia impiegato il vino Montepulciano d’Abruzzo a conquistarsi l’attenzione degli esperti.

Se in passato il Montepulciano d’Abruzzo veniva ritenuto pesante, impegnativo e dolciastro oggi è uno dei vini consigliati da consumare nella quotidianità. La produzione del centro Italia dà vita ad un vino dal caratteristico color rosso rubino con riflessi porpora e un profumo intenso di frutti di bosco e spezie che al palato risulta strutturato, profondo e persistente.

Il vino DOC prodotto nelle province di Chieti, L’Aquila, Pescara e Teramo nel 2007 è stato riconosciuto come il primo vino italiano della categoria DOC per produzione.

Il Montepulciano d’Abruzzo si sposa perfettamente con le ricette tradizionali di terra e in modo particolare con i piatti della tradizione come gli arrosticini di pecora ma è ottimo anche in abbinamento con formaggi pecorini e stagionati. La regione Abruzzo aveva già conquistato l’interesse degli appassionati di vino tanto da vedere alcune cantine locali inserite nella guida di Go Wine.

Le bottiglie consigliate di Montepulciano d’Abruzzo

Il New York Times non si limita a riconoscere il vino elogiandolo come perfetto vino da pasto e da quotidianità ma grazie alla voce dell’enologo Eric Asimov consiglia anche alcune etichette specifiche. Il primo vino consigliato è il Cirelli Montepulciano d’Abruzzo del 2019, seguito poi dal Tiberio Montepulciano d’Abruzzo del 2017 e dal De Fermo Montepulciano d’Abruzzo Concrete del 2018 che vengono riconosciute come bottiglie eccellenti di produttori locali.