Lombardia, impazza il gioco dei paesi con i nomi più strani

Impazza su Twitter il gioco dei paesi lombardi con i nomi più strani: la lista spazia da Cocquio Trevisago a Solarolo Monasterolo di Motta Baluffi

Lombardia, impazza il gioco dei paesi con i nomi più strani

Ingannare il tempo durante la quarantena forzata in casa dovuta all’emergenza Coronavirus può essere difficile: per questo motivo, sui social network e non solo, in queste settimane sono spuntate tante iniziative collettive, dalle dirette ‘Instagram’ ai flash mob sui balconi.

Una delle ultime iniziative in ordine di tempo è stata lanciata su ‘Twitter’ dal giornalista Matteo Bordone, che ha dato il via lo scorso 17 aprile alla gara dei paesi lombardi con i nomi più assurdi.

Dovete battere Cocquio Trevisago. Avanti“, ha scritto Matteo Bordone. Il guanto di sfida è stato subito raccolto dagli utenti del social network: in pochi giorni sono stati oltre 800, infatti, i commenti al suo post.

Tra i tanti nomi strani di paesi della Lombardia proposti spiccano i vari Bovisio Masciago, Borgoratto Mormorolo, CalolziocorteVertemate con Minoprio, Bulgarograsso, Usmate Velate, Camnago Faloppio, Scanzorosciate, Albaredo Arnaboldi, Solarolo Monasterolo di Motta Baluffi, Ubiale Clanezzo.

Matteo Bordone è intervenuto più volte durante la conversazione per commentare le proposte degli altri utenti e per lanciare altri spunti. Ad esempio ha scritto: “Io non controllo, eh. Do per scontato che esistano davvero. Se no è troppo facile”. E poi: “A me piace sempre l’augurio durante la siccità Abbiate Guazzone. Come saluto”. Ancora Bordone: “Un giro a Cadegliano Viconago via Cugliate Fabiasco ci sta”.

Tra i commenti è spuntato anche un cittadino di Cocquio Trevisago, che ha raccontato: “Io sono di Cocquio Trevisago e non ho mai trovato nome più assurdo. Ormai ne ripeto lo spelling a mitraglia. La voce stupita dei call center vari è sempre motivo di vanto”.

Qualcuno ha commentato: “Sembrano tutti nomi inventati da Maccio Capatonda”. C’è, però, chi proprio a tal proposito ha fatto anche di più. Un utente, infatti, ha proposto un generatore casuale di nomi di comuni brianzoli: basta tirare un dado quattro volte e si può dar vita a nomi improbabili come “Bumate Vareggio”, “Verago Coregno” o “Labiate Sussone”.

La sfida, poi, ha valicato i confini della Lombardia. Un utente umbro è intervenuto nella conversazione dicendo: “In Umbria abbiamo Bastardo, Casa del diavolo, Ramazzano le pulci e Pilonico materno e paterno (sono due frazioni di Perugia). Scanzateve”. La nuova sfida è servita.