Guida all'uso e ai costi della ZTL di Roma Capitale

Scopriamo come funziona il servizio di "zona a traffico limitato" di Roma, attivo ormai da diverso tempo in città

ztl romaDa diverso tempo sul territorio di Roma Capitale è attivo il servizio ZTL, Zone a Traffico Limitato, quadranti della città dove non è possibile transitare con i mezzi a motore. Questo divieto, regolato da un sistema di varchi, non è però attivo tutto il giorno e sono previste esenzioni e permessi per i cittadini che abitano in quelle aree.

Il divieto di accesso nelle Zone a Traffico Limitato va dalle 6:30 del mattino alle 18 del pomeriggio dal lunedì al venerdì, mentre il sabato è fascia ridotta, con un divieto di accesso limitato dalle 14 alle 18. Divieto di transito anche dalle 23 alle 3 durante il venerdì e il sabato. L’ingresso in zone a traffico limitato senza permesso porteranno al pagamento di una sanzione pecuniaria.

Ovviamente per i cittadini residenti o che lavorano in quelle aree sono previste esenzioni e permessi che concedono il libero accesso alle zone interessate nei quadranti in cui è attivo il varco Ztl. Per richiedere il proprio contrassegno sarà sufficiente rivolgersi all’Ufficio Servizi per la Mobilità del Comune di Roma.

Potete mettervi in contatto con l’Ufficio Servizi per la Mobilità di Roma Capitale personalmente, recandovi presso uno degli sportelli attivi presso la sede di via Capitan Bavastro (zona Garbatella), dove fornendo la documentazione adeguata riceverete in uno o due giorni lavorativi il vostro tagliando di esenzione dal pagamento di multe per aver oltrepassato il varco.

Potete mettervi in contatto con l’Ufficio Servizi per la Mobilità anche per via telematica, contattando uno degli sportelli digitali disponibili visitando il sito dell’Agenzia per la Mobilità di Roma Capitale. Sono abilitati a transitare nelle zone a traffico limitato sia conducenti di mezzi pubblici, sia mezzi di trasporto privati ad alimentazione ibrida o elettrica.