La Festa del Pomodoro di Pachino IGP diventa digitale

A causa delle restrizioni dovute alla pandemia di Coronavirus, l'edizione 2020 della Festa del Pomodoro di Pachino IGP diventa digitale: tutti i dettagli

La Festa del Pomodoro di Pachino IGP diventa digitale

La tradizionale Festa del Pomodoro di Pachino IGP diventa digitale. A causa delle restrizioni dovute alla pandemia di Coronavirus, quest’anno l’appuntamento è fissato per il 29 agosto sui canali social del Consorzio, dove sono organizzate una serie di attività di informazione con contributi video pensati con l’obiettivo di rafforzare l’identità digitale del prodotto.

La zona compresa tra Pachino, Portopalo di Capo Passero e Noto, in provincia di Siracusa, e Ispica in provincia di Ragusa, dove viene coltivato il pomodoro di Pachino IGP, si distingue per il suo microclima unico. La nuova Festa in modalità digitale è l’occasione per promuovere e raccontare ai turisti la vocazione in cucina del pomodoro e per scoprire in maniera ‘virtuale’ le sue proprietà e potenzialità.

Salvatore Lentinello, Presidente del Consorzio, ha dichiarato: “Abbiamo lavorato all’edizione 2020 della Festa del Pomodoro di Pachino IGP fino all’ultimo minuto possibile ma, considerata l’impossibilità di svolgere l’evento anche in forma ridotta o con l’opzione del ‘distanziamento sociale‘, abbiamo ritenuto di rimandare la prossima edizione della Festa al 2021. In questo momento ci teniamo a voler salvaguardare la sicurezza dei nostri visitatori che vengono da ogni parte di Italia e del Mondo. Non li lasceremo soli. Quest’anno abbiamo deciso di ritrovarci insieme in un appuntamento digitale sulle nostre pagine social per ritrovare i luoghi e le tradizioni che sono protagonisti della nostra festa”.

Per la Festa digitale del Pomodoro di Pachino IGP sono previsti contenuti multimediali, fotografici e video, che raccontano le caratteristiche nutritive e organolettiche del Pomodoro di Pachino IGP e del suo territorio di produzione.

Sebastiano Barone, Direttore del Consorzio, ha spiegato: “Queste attività rafforzano l’identità digitale di un prodotto unico per caratteristiche organolettiche, nutritive e salutari, per raccontare la sua storia e la sua notorietà che lo hanno fatto conoscere in tutto il mondo, nel suo contesto territoriale”.

Il commento finale di Maria Impera, Responsabile e Organizzatrice della Festa: “Voglio dedicare questa edizione speciale digitale della Festa del Pomodoro di Pachino Igp 2020 a tutti i nostri produttori, che nel corso di questa emergenza sanitaria non hanno mollato un attimo, facendo arrivare sempre puntuali sulla tavola dei consumatori il nostro prodotto, tra mille difficoltà. Un evento tutto digitale nel quale rivivere i momenti più belli delle edizioni passate, abbinati a momenti di informazione sul nostro prodotto, attraverso la testimonianza di chef e giornalisti del settore, proiettandoci così con fiducia nella nuova edizione 2021”.

Cos’è il Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP

Il Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP è un ente senza scopo di lucro, riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole. È pensato per valorizzare e tutelare la reputazione e il mercato dell’autentico pomodoro di Pachino e per difenderlo dai tentativi di contraffazione commerciale, tramite adeguate azioni legali, su scala nazionale e non solo.