Coronavirus, a Napoli il panaro diventa solidale

A Napoli, durante l'emergenza Coronavirus, il panaro è tornato di moda ed è diventato anche solidale

Coronavirus, a Napoli il panaro diventa solidale

L’emergenza Coronavirus che ha investito l’Italia ha fatto tornare di moda nei giorni scorsi un’antica tradizione a Napoli: quella del “panaro“. “O’ panar” è un paniere di legno intrecciato o, in alternativa, di plastica che, con l’ausilio di una lunga corda, è calato dal balcone di casa per raccogliere la spesa portata dal “garzone” della bottega.

In questo periodo in cui gli spostamenti devono essere limitati al minimo per contenere la diffusione del virus, tanti negozi, incluse le piccole botteghe alimentari, hanno attivato il servizio di consegna a domicilio della spesa. Il panaro, così, è diventato la soluzione ideale per evitare contatti tra le persone e il garzone che consegna la spesa a casa delle persone che ne hanno fatto richiesta.

Non è, però, tutto: a Napoli, infatti, il panaro non è solo tornato di moda, ma è diventato anche “solidale“. In pieno centro storico cittadino, in via Santa Chiara, sono comparsi infatti due panari calati da un palazzo, con la scritta “Chi può metta, chi non può prenda“.

Si tratta di una citazione di San Giuseppe Moscati, di cui, nella vicina chiesa del Gesù nuovo, nella piazza omonima, sono conservate le spoglie mortali del medico santo. La frase che ora si trova sui panari era stata scritta in origine davanti a un cappello utilizzato per raccogliere le offerte da donare ai più bisognosi.

Adesso, la solidarietà è rivolta a chi, in questo periodo in cui in molti sono impossibilitati ad andare a lavoro, si ritrova in difficoltà a fare la spesa per mangiare ogni giorno. L’invito per chi ha più disponibilità economica è quello di condividere la spesa con altri che in questi giorni stanno attraversando un periodo particolarmente difficile.

L’iniziativa solidale di Napoli non è unica nel suo genere: a Roma, ad esempio, sul muretto di piazza dell’Alberone, lungo la via Appia Nuova, sono apparsi una trentina di pacchi di pasta, con la scritta: “Se avete bisogno prendete pure. Forza Italia”. In zona Tiburtina, invece, sempre nella Capitale, un panificio ha deciso di lasciare in orario di chiusura delle buste con l’invenduto di giornata, con la scritta “Se ne hai bisogno, prendila è gratis”.