Coronavirus, ecco cosa manca di più ai romani

Un'indagine rivela le abitudini che mancano di più ai cittadini di Roma durante la quarantena

Roma

L’Italia è ferma a causa dell’emergenza Coronavirus. Gli italiani stanno rinunciando alla loro quotidianità, restando in casa per evitare il diffondersi del contagio.

La quarantena impone di restare il più possibile all’interno delle mura domestiche, uscendo solo per operazioni fondamentali, come fare la spesa. Cambiano le abitudini dei cittadini, dal nord al sud passando per le isole. Niente più cene tra amici, serate al pub o in discoteca, niente partita allo stadio o davanti alla tv del bar.

Ma quali sono le abitudini che mancano di più ai tempi del Coronavirus? L’Agenzia per il controllo e la qualità dei Servizi Pubblici Locali di Roma Capitale ha condotto un’indagine tra il 16 e il 23 marzo, su un campione di oltre mille persone sparso in tutti i Municipi della città eterna, per monitorare la soddisfazione o meno sugli interventi messi in atto dal Comune durante l’emergenza.

L’indagine rivela che ai cittadini di Roma la cosa che manca di più durante la quarantena è una passeggiata all’aria aperta in libertà. Restare chiusi all’interno della propria casa aumenta la voglia e il desiderio di tornare per strada e ammirare le bellezze della capitale.

Dopo le passeggiate, tra i desideri più sentiti dei romani seguono quello di andare a mangiare o bere qualcosa fuori con gli amici e con i propri familiari e poi il poter recarsi alle funzioni religiose, anch’esse ferme a causa dei provvedimenti adottati dal Governo.

Lo studio condotto dall’Agenzia per il controllo e la qualità dei Servizi Pubblici Locali di Roma Capitale rivela, inoltre, che la maggior parte dei cittadini capitolini scelgono la televisione per informarsi ogni giorno sulle evoluzioni dell’epidemia. Dopo la tv ci sono il web e i social media, seguiti dai quotidiani cartacei e infine dalla radio.

Secondo i dati raccolti dall’indagine, i romani hanno una buona conoscenza dei servizi di prossimità: il 68% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di essere al corrente degli interventi di aiuto alla popolazione predisposti dai vari Municipi di Roma.

In miglioramento la percezione sull’igiene urbana dei romani: il 60% degli intervistati si sono definiti “molto” oppure “abbastanza soddisfatti” della pulizia delle strade. Nel corso dell’ultima indagine pubblicata a settembre 2019, il dato raggiungeva appena il 10%.