Questo sito contribuisce all’audience di

Virgilio InItalia

Chi potrebbe comprare Villa Certosa di Berlusconi: indiscrezione

Villa Certosa, spunta il nome del possibile acquirente della storia residenza estiva in Costa Smeralda di Silvio Berlusconi: l'indiscrezione

Villa Certosa è una delle tante proprietà immobiliari di Silvio Berlusconi che alla scomparsa dell’ex Premier è stata lasciata ai suoi eredi, i quali stanno valutando la possibilità di metterla in vendita.

Villa Certosa, spunta il possibile acquirente

La meravigliosa villa in Sardegna del Cavaliere rappresenta sicuramente uno degli immobili più ambiti, una grande occasione per facoltosi acquirenti che vogliono mettere le mani sul gioiello della Costa Smeralda.

Stando a quanto riferito da Dagospia, ci sarebbe già un compratore per Villa Certosa: si tratterebbe di Mukesh Ambani, l’uomo più ricco d’India nonché il proprietario di Reliance Industries, la più importante azienda del settore privato indiano.

Ambani ha da poco acquistato una mega villa sulla spiaggia di una delle isole artificiali a forma di palma a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, sborsando la cifra da capogiro di 162,5 milioni di dollari. L’imprenditore indiano, presenza stabile nella classifica degli uomini più ricchi al mondo, avrebbe messo nel mirino la storica residenza estiva di Silvio Berlusconi.

Secondo le indiscrezioni fin qui circolate, Mukesh Ambani avrebbe messo in agenda una visita proprio a Villa Certosa in Sardegna, finalizzata al possibile acquisto della proprietà che fu dell’ex Presidente del Consiglio.

La storia di Villa Certosa, perla della Costa Smeralda

Situata nei pressi di Punta Lada a Porto Rotondo, frazione di Olbia, Villa Certosa è stata a lungo una delle residenze estive di Silvio Berlusconi che ufficialmente la utilizzava con un contratto di comodato gratuito con la società Immobiliare Idra di sua proprietà.

La villa si estende su 4.500 metri quadrati ed è dotata di 126 stanze, 4 bungalow, una palestra, una serra, un teatro, una torre e due immobili ribattezzati con i nomi di “Ibuscus” e “Cactus”. Fanno parte della proprietà anche un’autorimessa di 181 metri quadrati, un parco e un orto medicinale di 297 metri quadrati.

Prima dell’acquisto di Silvio Berlusconi, avvenuto durante la fine degli anni Ottanta, la residenza si chiamava Villa Monastero: dopo averla acquisita dal precedente proprietario, Gianni Onorato, l’ex Premier decise di chiamarla Villa Certosa.

Con l’arrivo di Berlusconi la villa di Porto Rotondo venne ristrutturata e ampliata: il progetto fu affidato a Gianni Gamondi, architetto di fiducia del Cavaliere e progettista di tante residenze della Costa Smeralda.

Tra i luoghi del cuore di Silvio Berlusconi, Villa Certosa è stata a lungo la residenza estiva dell’ex Presidente del Consiglio. Oltre a rappresentare un rifugio dagli impegni istituzionali e imprenditoriali del Cavaliere, la villa è stata utilizzata anche per accogliere Capi di Stato e di Governo.

Tra le personalità illustri accolte a Villa Certosa si ricordano: il Presidente degli Stati Uniti d’America George Washington Bush, il Primo Ministro britannico Tony Blair, il Premier ceco Mirek Topolanek, il Premier russo Vladimir Putin e gli spagnoli José Zapatero e José Maria Aznar.

Risale al 2021 una perizia tecnica di valutazione dell’immobile dalla quale risulta un valore di circa 259 milioni di euro: questa cifra fa di Villa Certosa una delle abitazioni più costose al mondo, anche se bisogna tenere presente che in caso di vendita la cifra potrebbe lievitare a seconda del valore di mercato.