Lo chef Luca Ficara porta i piatti tipici siciliani in Antartide

Partito da Catania, lo chef 34enne prepara i pasti per gli ospiti della base scientifica Mario Zucchelli 

Lo chef Luca Ficara porta i piatti tipici siciliani in Antartide

La cucina siciliana sbarca in Antartide con i piatti dello chef Luca Ficara. Dallo scorso ottobre, il 34enne originario di Catania si trova nella stazione Mario Zucchelli (MZS), base scientifica italiana, per il Programma Nazionale di Ricerca in Antartide (PNRA).

Per Ficara questa non è la sua prima avventura tra i ghiacci. Già nel 2015, lo chef catanese ha lasciato la sua terra per raggiungere il polo sud, diretto alla base di ricerca permanente franco-italiana “Concordia”, situata sul plateau antartico. Qui vi è rimasto per un anno, affrontando temperature estreme ed occupandosi dei pasti per i membri dell’equipaggio.

Successivamente è partito alla volta della stazione Mario Zucchelli (MZS), operativa nei mesi primaverili ed estivi dell’emisfero australe, ma progettata in modo da sopportare anche un’eventuale permanenza in inverno, che offre alloggi e servizi fino a 80-90 persone. Qui, lo chef Luca Ficara ha preso parte a quattro campagne consecutive, l’ultima delle quali si concluderà tra poche settimane.

In Antartide, Luca Ficara si occupa della preparazione dei pasti, affrontando diverse difficoltà. Gli ingredienti freschi come frutta e verdura, ad esempio, possono essere trasportati in aereo in piccole quantità, mentre la maggior parte delle materie prime vengono spedite per nave, congelate, in scatola o disidratate.

Le provviste vengono conservate in una grotta, che si raggiunge a bordo di un elicottero, dove l’equipaggio ha una scorta garantita per circa due anni. Una volta portato alla base, il cibo viene poi scongelato nei frigoriferi ad una temperatura di +4.

La difficoltà sta anche nella realizzazione delle ricette a causa della bassa umidità presente nell’aria. Ad esempio, per la lievitazione, lo chef catanese, insieme al suo team, ha creato una pasta madre fatta di acqua di mare dissalata, miele e farina, così da non far mancare il pane e la pizza.

Anche in Antartide, una delle missioni principali dello chef catanese è stata quella di far conoscere ai ricercatori della base scientifica i profumi e i sapori della sua Sicilia. Nel menù non mancano le tipiche arancine, i cannoli siciliani, la parmigiana di melanzane e la pasta alla norma.

Tante sono anche le serate a tema che lo chef Luca Ficara ama organizzare insieme all’equipaggio della stazione Mario Zucchelli, per portare le atmosfere, le tradizioni e il calore della Sicilia fino al gelido polo sud.