Attacco poetico in Salento: i versi sono sulle saracinesche

Poesie ad ogni angolo delle strade di San Michele Salentino che il 3 agosto ospiterà la sesta edizione di Attacco Poetico

Attacco Poetico

Un intero paese dove regna la poesia ad ogni angolo di strada: esiste in Puglia e si chiama San Michele Salentino, noto ormai da diversi anni come “città della poesia“.

Il merito va tutto al movimento Attacco Poetico che ha la missione di dare una nuova vita al paese, decorando i suoi muri con i versi dei più grandi letterati e intellettuali di tutto il mondo. La poesia è il cuore pulsante di San Michele Salentino: anche le serrande delle attività commerciali diventano le tele sulle quali vengono dipinte le poesie, diventando a tutti gli effetti delle vere e proprie “serrande poetiche“. Nato diversi anni fa, il momento Attacco Poetico porta sui muri della città le parole dei poeti, la poesia all’aria aperta, facendola evadere dalle aule e dai libri di scuola, con l’intento di farla incontrare con l’umanità del paesaggio. Per stessa ammissione dei suoi membri, il movimento si è fatto messaggero di una provocazione di bellezza, promuovendo la sensibilità per chi vuole accoglierla nella sua natura gratuita e delicata.

Una missione nobile che si traduce in festa, con la sesta edizione dell’evento Attacco Poetico, quest’anno intitolato “Le Vie del Desiderio“. Si tratta di una manifestazione a metà strada tra un festival e una passeggiata, che andrà in scena sabato 3 agosto 2019 a partire dalle ore 21. La location è piazza Marconi a San Michele Salentino, in provincia di Brindisi. Camminando attraverso le sue strade, si possono dunque incrociare le parole di Charles Baudelaire e Di Pablo Neruda, di Italo Calvino e di Cesare Pavese, ma anche di Frida Kahlo e del sommo Dante Alighieri.

La sesta edizione di Attacco Poetico avrà diversi temi ed attrazioni e partirà in Piazza Marconi con “Voglio la luna”, dedicata ai cinquant’anni dallo sbarco lunare. Sulle strade circostanti, in una simbolica passeggiata, ci sarà spazio per “La via dell’Altrove”, con un Ulisse senza tempo raccontato dalla nella performance teatrale di Giuseppe Ciciriello, accompagnato dal chitarrista Donato Quarto. Andando avanti, sarà possibile attraversare anche “Via degli altri” e fermarsi in “Via dell’incanto” o in “Via dell’amore”, per poi passeggiare lungo “Via dell’infinito” e “Via della conoscenza”, per un itinerario all’insegna della poesia. Nella serata è previsto anche un omaggio a Leonardo da Vinci, uno dei più grandi geni di tutti i tempi, a 500 anni dalla sua scomparsa, e uno a Giacomo Leopardi, a 200 anni dall’Infinito.