Albero europeo del 2021: Platano di Curinga rappresenta l'Italia

Il gigantesco Millenario Platano di Curinga rappresenta l'Italia nell'edizione 2021 del concorso internazionale dedicato all'Albero europeo dell'anno

Millenario Platano Orientale di Curinga

Il Millenario Platano di Curinga, in provincia di Catanzaro, rappresenta l’Italia nel contest internazionale “European Tree of the Year“. Questo albero gigantesco, già vincitore del titolo di “Italian Tree of the Year” nel 2020, ora punta all’Europa.

Cos’è il concorso European Tree of the Year

Il concorso internazionale “European Tree of the Year” è nato nel 2011. Si ispira al contest “Tree of the Year”, organizzato già da molti anni in Repubblica Ceca dalla Czech Environmental Partnership Foundation. Alla finale del contest europeo partecipano i vincitori delle gare nazionali.

La votazione via internet dell’”Albero Europeo dell’anno” è organizzata ogni anno a febbraio dall’Associazione Environmental Partnership Association (EPA), di cui fa parte anche la fondazione Partnerství.

La prima votazione per l’”European Tree of the Year” si è svolta nel 2011. Da quell’anno, il numero di paesi partecipanti è passato da 5 a 16.

Lo scopo è quello di sottolineare l’importanza dei vecchi alberi come patrimonio naturale e culturale da stimare e proteggere. In questa gara non importano la bellezza, la grandezza e l’età dell’albero, ma la sua storia e il collegamento con la gente.

Nell’edizione 2021, il Millenario Platano di Curinga concorre con altri 13 alberi europei: sono, nello specifico, Il sopravvissuto a quattro tronchi (Belgio), Il vecchio gelso (Bulgaria), Il melo vicino a Lidman (Repubblica Ceca), La pioppa Pouplie (Francia), Il residente più anziano di Medulin – Albero di cioccolato dei nostri ricordi (Croazia), L’albero di Giuda della chiesa di Mélikùt (Ungheria), L’albero Madre (Paesi Bassi), Saint Jan Nepomucen Linden (Polonia), Platano del Rossio (Portogallo), L’antico sicomoro (Federazione russa), La vecchia quercia di Drnava (Slovacchia), La Millenaria Carrasca di Lecina (Spagna) e L’albero dei sopravvissuti (Regno Unito).

Al momento, la classifica provvisoria vede al vertice un testa a testa tra l’albero italiano (32.371 voti) e quello spagnolo (32.390). La votazione è aperta fino al 28 febbraio.

Alla scoperta del Millenario Platano di Curinga

Il piccolo comune di Curinga, in provincia di Catanzaro, in Calabria è conosciuto in Italia (e ora anche in Europa) per il suo “Gigante“: il Millenario Platano di Curinga. La sua posizione è molto particolare: si affaccia sul Mar Tirreno, sporgendo su un piccolo ruscello, come se vegliasse amorevolmente sulla foresta circostante.

Si ritiene che sia stato piantato dai monaci basiliani che giunsero in Calabria più di mille anni fa e che costruirono l’eremo di Sant’Elia. Le sue radici, però, potrebbero essere addirittura ancora più vecchie. Il suo tronco è completamente cavo e ha un’apertura larga oltre 3 metri. Chi entra ha la sensazione di ritrovarsi all’interno di un’incredibile grotta boscosa. Per le grandi dimensioni della sua circonferenza, a oggi è il platano più grande d’Italia.