Sellia, il borgo dove è vietato morire ha stregato gli americani

Sellia, il borgo in provincia di Catanzaro in Calabria dove è vietato morire ha conquistato gli americani: la storia del medico James Smith

Sellia

Forse non tutti sanno che in Italia c’è un borgo dove è vietato morire. La storia risale al 2015, cioè a quando il sindaco di Sellia, piccolo comune di appena 500 abitanti nel cuore della Presila catanzarese in Calabria, ha provocatoriamente imposto questo particolare divieto con un’ordinanza finalizzata a contenere lo spopolamento del paese e a invitare i cittadini ad avere cura della propria salute.

Cinque anni dopo si torna a parlare di Sellia (nella foto una veduta del paese, pubblicata dal Comune di Sellia). L’iniziativa del sindaco del piccolo borgo calabrese ha infatti fatto il giro del mondo: grazie alla pubblicazione della notizia sul giornale ‘The Local’, l’eco è arrivata fino agli Stati Uniti d’America, catturando l’attenzione del medico reumatologo James Smith.

Proprio Smith vorrebbe trasferirsi in Italia assieme al fratello geriatra e alla moglie pediatra (tutti e 3 in pensione) per offrire in maniera gratuita assistenza sanitaria agli anziani. James Smith ha così scritto su ‘Facebook’ al sindaco di Sellia Davide Zicchinella, anche lui medico (pediatra).

A ‘Il Fatto Quotidiano’, Smith ha raccontato: “Mentre cercavo notizie sui borghi in Italia e approfondimenti sull’assistenza sanitaria nelle aree rurali del vostro Paese, mi sono imbattuto in questo articolo e ho tentato subito di mettermi in contatto con il sindaco per complimentarmi per l’impegno verso il benessere dei suoi concittadini, soprattutto degli anziani”.

Il medico americano ha anche detto: “Io e mio fratello abbiamo una grande esperienza nella cura dei pazienti anziani e ci terremmo molto a incoraggiare prevenzione e buone abitudini. Stiamo cercando di approfondire, attraverso riviste mediche italiane e il supporto di Zicchinella, il sistema sanitario italiano e i servizi previsti per questa fascia di età. Speriamo di venire al più presto, nei primi mesi del 2021 dovremmo essere vaccinati contro il Covid e poter affrontare il viaggio in aereo per conoscere questa splendida realtà in Calabria”.

Alla scoperta di Sellia in Calabria

Sellia, in provincia di Catanzaro, in Calabria, è un piccolo borgo caratterizzato da un centro storico formato da numerosi vicoli in stile medievale. Il centro è collegato alla parte inferiore del paese tramite la Porta Bella, una scalinata costruita su un antico tracciato medievale.

Nel comune di Sellia sono presenti tre chiese: la chiesa di San Nicola di Bari, la chiesa del SS. Rosario e la chiesa della Madonna della Neve. Tra le altre attrazioni spiccano gli antichi frantoi e i resti del castello medievale, costruito per volontà del normanno Roberto detto il Guiscardo.

Sellia è anche noto come il “borgo della cultura”, grazie alla presenza nel comune calabrese dello SMOSS, cioè il Sistema dei Musei e degli Opifici storici di Sellia. La rete museale, nello specifico, è formata dal MUSEBA (il Museo dei Bambini Agricoltura & Ambiente), dal Museo del Fumetto, dall’E-Muse (l’EcoMuseo) e dal Museo della Scienza-Terra & Cosmo.