Passeggiate d'Italia: emozionarsi con il trekking nella natura

Emozionarsi con il trekking nella natura, concedersi il piacere di evadere dal quotidiano per ritrovare, camminando, se stessi. Il nostro Bel Paese è ricco di luoghi dal grande fascino, “angoli di mondo” tutti da scoprire ed amare.

In Calabria a Civita, la Porta del Pollino

Una eccellente meta per tutti gli amanti del trekking è l’antico borgo di Civita, in Calabria, un autentico gioiello incastonato ai piedi della montagna, chiamato la  “Porta del Pollino”, da molti anni Bandiera Arancione per il Turismo del Touring Club Italiano.  Appena giunti a Civita si avverte l’energia rigenerante della montagna. Dal “Belvedere” dell’antico borgo di cultura Arbëreshe,  si gode la vista del panorama mozzafiato che si affaccia sul percorso pedonale che, scendendo lungo la parete rocciosa, porta al fiume ed alle famose Gole del Raganello. Il letto di pietre del fiume Raganello prosegue il suo viaggio verso la pianura ed il mare, regalando alla vista dei turisti emozioni uniche.

Meta di migliaia di turisti e amanti del trekking,  è il leggendario “Ponte del Diavolo”. La credenza popolare vuole che a chiederne la costruzione al Diavolo in una sola notte sia stato un proprietario terriero. Il Diavolo accettò la sua richiesta in cambio dell’anima del primo essere vivente che l’avesse attraversato. A lavoro ultimato l’uomo fece invece oltrepassare il ponte ad una capra, facendosi così beffa di lui. Visitando Civita, un gioiello incastonato nella montagna, si avrà l’occasione di vivere emozionanti ed indimenticabili escursioni in tutte le stagioni dell’anno facendo trekking in Calabria.

L’ Umbria: Itinerari tra le montagne assolate

Il piacere di andare a cercare tesori nascosti in Umbria si soddisfa pienamente visitando luoghi un tempo molto frequentati ed oggi,  invece, disabitati come l’area attraversata dalla  “Strada della Spina”, situata tra la Valnerina e la Valle Umbra. E’ una strada dalle origini antichissime che una tradizione ricollega al passaggio dell’apostolo Pietro, partito da Roma per recarsi presso i Piceni. La testimonianza delle sue origini antiche è data dai reperti archeologici trovati lungo il suo tracciato. Questo luogo in Umbria è un “angolo di mondo” tutto da scoprire, dove grandi aree boschive, verdi praterie, antichi casali, ruderi, fonti e corsi d’acqua tracciano un piacevole percorso da seguire per rilassarsi camminando.  E’ bello e piacevole, facendo trekking in Umbria, fotografare o riprendere in video immagini per fare conoscere questi luoghi dell’Umbria a persone che amano immergersi nella natura per ritrovare, lentamente e piacevolmente,  se stessi.

Il Veneto: una delle terre più affascinanti d’Italia

cime di Lavaredo

Gli amanti del trekking che desiderano conoscere luoghi inesplorati possono scegliere i numerosi itinerari veneti che si snodano tra le Dolomiti, le Prealpi, i Colli Euganei, i Monti Berici e la Valpolicella  e cogliere l’occasione per scoprire i monti, le vette e le foreste del Veneto, camminando in compagnia di guide professioniste che mettono passione e amore nel loro lavoro. Questa Terra ricca di piacevoli sorprese, può essere considerata miniera inesauribile di passeggiate e percorsi per vivere e capire la natura. Da un lato il Veneto noto e celebrato degli itinerari “classici” delle Dolomiti, delle zone di Cortina e delle Tre Cime di Lavaredo, dall’altro il Veneto meno conosciuto e isolato, delle zone appena sfiorate dal turismo di massa e quindi integre. Le colline e le montagne del Veneto possono essere piacevolmente esplorate con semplici passeggiate nei boschi o lunghe scarpinate in quota fino a giungere ad escursioni impegnative per esperti del trekking o percorsi più facili in ambienti solitari e meno conosciuti. A voi la scelta ed il piacere di vivere emozionanti scoperte.