A Paestum nasce un parco giochi a tema archeologico tra i templi

Parco dei Piccoli è un parco giochi a tema archeologico tra i templi di Paestum, con un'attenzione particolare ad ambiente e sostenibilità

A Paestum nasce un parco giochi a tema archeologico tra i templi

Lunedì 27 gennaio è prevista l’inaugurazione del Parco dei Piccoli: si tratta del nuovo parco giochi a tema archeologico tra i templi di Paestum, con uno sguardo all’ambiente e alla sostenibilità, nato dalla collaborazione tra l’associazione Legambiente di Capaccio Paestum e il Parco Archeologico.

Collocato sul lato est dei due grandi templi “Basilica” e “Nettuno“, il Parco dei Piccoli dispone di 10 strutture, che riproducono alcuni dei più famosi giochi di logica e strategia esistenti nell’antichità. Presenti anche alcune macchine da cantiere utilizzate per la costruzione dei tre templi dorici di Paestum (non manca la vite idraulica di Archimede).

L’allestimento del Parco dei Piccoli è inserito nel percorso di visita del sito archeologico di Paestum ed è corredato da pannelli esplicativi e da panchine dove i genitori possono rilassarsi godendosi la vista sui monumenti e sui figli. I bambini, all’interno del Parco dei Piccoli, possono scoprire, divertendosi, alcune nozioni di storia e archeologia antica.

Il direttore del Parco Archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, ha dichiarato: “Il museo come istituzione pubblica nasce nell’Ottocento per un pubblico di adulti colti. Oggi invece vogliamo offrire un’esperienza culturalmente arricchente per tutti, per cui ci impegniamo a rendere il sito più accessibile per i bambini, ma anche per le persone con disabilità. Il gioco coinvolge tutti i sensi ed è uno strumento da non sottovalutare per la trasmissione di conoscenze: esso è uno stimolo per la creatività di piccoli e grandi. Il passato ci può insegnare molte cose anche per il futuro, per esempio in merito alla sostenibilità ambientale”.

All’inaugurazione del Parco dei Piccoli, fissata per le ore 11 del 27 gennaio presso l’ingresso di Porta Principale, è prevista la presenza di Mariateresa Imparato (presidente di Legambiente Campania) e di Stefano Ciafani (presidente nazionale Legambiente).

Sulla sua pagina Facebook, Legambiente Paestum ha presentato così il Parco dei Piccoli: “Uno ‘spazio da giocare’ nel Parco Archeologico di Paestum in contrapposizione all’isolamento che i moderni giochi tecnologici impongono. Uno ‘spazio da giocare’ che avvicina all’arte, alla scienza, alla storia e permette ai piccoli visitatori di sentirsi protagonisti di un’avventura che ha come obiettivo il divertimento ma anche la scoperta e la conoscenza”.

Capaccio Paestum è tra le città che hanno presentato la loro candidatura a diventare Capitale Italiana della Cultura 2021: la decisione finale sarà presa entro la data del 10 giugno. La città che risulterà vincitrice riceverà un finanziamento di un milione di euro per la realizzazione di quanto è stato presentato nel programma di presentazione della propria candidatura.