La mortadelle compie 360 anni: storia, curiosità e record

Tanti auguri alla mortadella che compie 360 anni di storia: le curiosità e i record del prodotto bolognese simbolo del Made in Italy nel mondo

La mortadella compie gli anni

La mortadella di Bologna compie 360 anni: dopo oltre tre secoli e mezzo, una delle specialità più famose e apprezzate della cucina tradizionale italiana resta ancora più giovane che mai e ha deciso di rifarsi il look, ma solo nel logo.

Il Consorzio Mortadella Bologna IGP, infatti, ha provveduto al restyling del suo solo, per rendere il marchio ancora più riconoscibile in tutto il mondo, così da avere un impatto di garanzia nei confronti dei consumatori.

Il restyling serve a proteggere ulteriormente la mortadella di Bologna, uno dei cibi Made in Italy più contraffatti al mondo insieme al Parmigiano Reggiano, alla pizza, al pesto, al vino e alla Carbonara. La mortadella, essendo un prodotto unico al mondo, vanta innumerevoli tentativi d’imitazione e di contraffazione al mondo.

La mortadella compie 360 anni di storia: curiosità e record

Insaccato dal gusto inconfondibile, la mortadella è nata a Bologna 360 anni fa. L’origine del suo nome, ancora oggi, è motivo di dibattito. Secondo una linea di pensiero, il nome deriva dal termine latino mortarium, l’attrezzo che tradizionalmente veniva usato per pestare la carne.

Stando a un’altra teoria, invece, il nome mortadella deriva da una salsiccia romana aromatizzata con bacche di mirto, spezia molto popolare prima che il pepe diventasse disponibile per i mercati europei.

Le testimonianze della presenza della mortadella nella storia risalgono all’epoca romana: in una stele dell’età imperiale sono raffigurati sette maialetti condotti al pascolo e un mortaio con il pestello, utensile utilizzato dai romani per lavorare le carni. Di mortadella, inoltre, si parla anche nei libri di cucina del XIV secolo.

Nel corso dei secoli, la mortadella è diventata uno dei principali esempi del Made in Italy, entrando anche a far parte del mondo del cinema. L’esempio più lampante è il film “La Mortadella” del 1971 diretto dal regista Mario Monicelli con Gigi Proietti e Sophia Loren. La pellicola narra la storia di Maddalena, operaia in un’azienda di salumi che viaggia negli Stati Uniti per andare a trovare il suo fidanzato Michele.

Indimenticabile la scena in cui Maddalena, interpretata da Sophia Loren, viene fermata alla dogana perché non vuole separarsi dalla mortadella che non può essere importata oltre oceano a causa delle leggi americane.

Una mortadella, inoltre, è entrata anche a far parte del Guinness dei primati: quella, realizzata negli stabilimenti ex Cassetta a Casteldilago ha fatto registrare il peso del record di 920,8 kg.