Migliori oli in Italia regione per regione: guida Slow Food 2022

Slow Food ha presentato l'edizione 2022 della sua Guida agli extravergini, con l'elenco dei migliori oli in Italia, regione per regione: tutti i premi

Olio

Slow Food ha presentato la Guida agli extravergini 2022, che mette nero su bianco i migliori oli d’Italia, regione per regione, tra Chiocciole (il simbolo assegnato dalla Guida alle aziende olivicole che interpretano i valori organolettici, territoriali e ambientali secondo la filosofia Slow Food), Grandi Oli (il riconoscimento per gli eccellenti nelle loro categorie per pregio organolettico, aderenza al territorio e alle cultivar) e Grandi Oli Slow (oli eccellenti, capaci di emozionare in relazione a cultivar autoctone e territorio di appartenenza, ottenuti con pratiche agronomiche sostenibili).

Dopo la guida di Gambero Rosso dedicata ai migliori oli 2022, ora è Slow Food a selezionare le eccellenze italiane nel campo olivicolo). Nella Guida agli Extravergini 2022 sono diverse le novità rispetto all’edizione 2021.

Guida agli Extravergini 2022 di Slow Food: le Chiocciole regione per regione

  • Veneto

– La Contarina, Illasi (VR)

  • Toscana

– Alle Camelie, Capannori (LU)
– Tenuta Lenzini, Capannori (LU)
– Leonardo Salustri, Cinigliano (GR)
– Stefano Spinelli, Lamporecchio (PT)
– Fattoria Altomena, Pelago (FI)
– Val di Lama, Pontedera (PI)

  • Marche

– Fiorano, Cossignano (SP)
– Barbara Pacioni, Montegranaro (FM)
– Agribiologica Foligni Amurri, Petrioli (FM)
– I Tre Filari, Recanati (MC)

  • Umbria

– Fontanaro, Paciano (PG)
– Giovanni Batta, Perugia

  • Lazio

– Colli Etruschi, Bliera (VT)
– Mandrarita, Itri (LT)
– Sciuga – Il Molino, Montefiascone (VT)
– Augusto Spagnoli, Nerola (RM)
– Paola Orsini, Priverno (LT)

  • Abruzzo

– Tommaso Masciantonio, Casoli (CH)
– Davide Iacovella, Chieti
– Frantoio Mercurius, Penne (PE)
– Giardini di Giulio, Tocco da Casauria (PE)

  • Molise

– Giorgio Tamaro, Termoli (CB)
– Terra Sacra, Termoli (CB)

  • Campania

– Maria Ianniciello, Grottaminarda (AV)
– Terre di Molinara, Molinara (BN)

  • Puglia

– Intini, Alberobello (BA)
– De Carlo, Bitritto (BA)

  • Sicilia

– Terraliva, Buccheri (SR)
– Vernera, Buccheri (SR)
– Vincenzo Signorelli, Nicolosi (CT)
– Tenuta Cavasecca, Siracusa
– Titone, Trapani

  • Sardegna

– Il Giglio, Oristano
– Masoni Becciu, Villacidro (CA)

Guida agli Extravergini 2022 di Slow Food: i Grandi Oli regione per regione

  • Veneto

– Olivalto del Frantoio Evo del Borgo, Arquà Petrarca (PD)
– Green Selection del Frantoio di Cornoloeda, Cinto Euganeo (PD)

  • Friuli Venezia Giulia

– Olio dei Venti – Bianchera di Radovic, Duino Aurisina (TS)

  • Emilia-Romagna

– Nobildrupa di Terra di Brisighella, Brisighella (RA)
– Claterina di Palazzo di Varignana, Castel San Pietro Terme (BO)
– Vargnano di Palazzo di Varignana, Castel San Pietro Terme (BO)
– Valdoletto di Tenuta Pennita, Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC)

  • Toscana

– Maurino di Reto di Montisoni, Bagno a Ripoli (FI)
– Special Edition di Il Cavallino, Bibbona (LI)
– Zefiro di Fonte di Foiano, Castagneto Carducci (LI)
– Riflessi di Fonte di Foiano, Castagneto Carducci (LI)
– Oro dei Tatanni di Il Casino di Sala, Greve in Chianti (FI)
– Riserva di Frantoio di Croci, Massa e Cozzile (PT)
– Prima Oliva IGP Toscano di Frantoio di Croci, Massa e Cozzile (PT)
– Evo 10 IGP Toscana di Olivicoltori Valdinievole, Montecatini Terme (PT)
– Leccio del Corno di Solaia, Montespertoli (FI)
– Frantoio di Solaia, Montespertoli (FI)
– Castruccio di Luca Varini, Pieve a Nievole (PT)
– Proxima Saecula – Moraiolo di I Greppi di Silli, San Casciano in Val di Pesa (FI)
– Frantoio di Maryamando, San Casciano in Val di Pesa (FI)
– Evoca IG Toscano di Evo 2.0 Filiera Toscana, Serravalle Pistoiese (PT)
– Riserva di Conventino Montericciardo, Montericciardo (PU)
– Ascolana Tenera di Frantoio Agostini, Petritoli (FM)

  • Umbria

– N°51 di Decimi, Bettona (PG)
– Emozione di Decimi, Bettona (PG)
– Mosto d’Oliva di Giulio Mannelli, Bettona (PG)
– Colleruita DOP Umbria Colli Assisi Spoleto di Viola, Foligno (PG)
– Quinta Luna di Frantoio Gaudenzi, Trevi (PG)

  • Lazio

– Cru dei Cru di Ione Zobbi, Canino (VT)
– Don Pasquale DOP Colline Pontine di Cosmo Di Russo, Gaeta (LT)
– DOP Sabina di Due Nove Sei, Moricone (RM)
– Elegante di Mater Olea, Prossedi (LT)
– Cetrone IN di Alfredo Cetrone, Sonnino (LT)
– DOP Colline Pontine di Alfredo Cetrone, Sonnino (LT)
– Athos di Olio Traldi, Vetralla (VT)
– Caninese di Frantoio Cioccolini, Vignanello (VT)

  • Abruzzo

– Tandem Olea di Ursini, Fossacesia (CH)
– 949 di Frantoio Gran Sasso, Isola del Gran Sasso (TE)
– Oliomania di Marina Palusci, Pianella (PE)
– I Oil di Marina Palusci, Pianella (PE)
– Electum di La Selvotta, Vasto (CH)
– Gentile di Chieti di La Selvotta, Vasto (CH)

  • Campania

– Ravece di Oleificio Romolo, Ariano Irpino (AV)
– Norma d Fattoria Ambrosio, Castelnuovo Cilento (SA)
– DOP Irpina Colline dell’Ufita di Oleificio Fam, Venticano (AV)

  • Puglia

– Coratina di Maselli, Alberobello (BA)
– Evo Leonetti di Francesco Leonetti, Andria
– Aura di Corleto, Ascoli Satriano (FG)
– Gangalupo di Maria Bisceglie, bari
– Coratina di Amore Coltivato, Bitonto (BA)
– Giacomì di Masseria Pezze Galere, Fasano (BR)
– Coratina di Olidda, Giovinazzo (BA)
– Coratina di Cantasole, Lecce
– Doleo di Tenute Pagano, Terlizzi (BA)

  • Calabria

– Il Blend di Pasquale Labonia, Caloveto (CS)
– Vigoroso di Frantonio Acri, Corigliano-Rossano (CS)
– OrOlio L’Extravergine di Fratelli Renzo, Corigliano-Rossano (CS)
– L’Ottobratico di Olearia San Giorgio, San Giorgio Morgeto (RC)
– Dolciterre – Ottobratica di Sorelle Garzo, Seminara (RC)

  • Sicilia

– Zahara di Oleificio Guccione, Chiaramonte Gulfi (RG)
– Primo DOP Monti Iblei di Frantoi Cutrera, Chiaramonte Gulfi (RG)
– Polifemo DOP Monti Iblei di Viragì, Chiaramonte Gulfi (RG)
– Castel di Lego Oro di Frantoio Galioto, Ferla (SR)
– DOP Monti Iblei di Frantoio Galioto, Ferla (SR)
– Evo Sant’Anna Delicato di Oleificio Sant’Anna, Marsala (TP)
– Evo Sant’Anna Intenso di Oleificio Sant’Anna, Marsala (TP)
– Sciabacco di Francesca Tumino, Mazzarrone (CT)
– Evo Disisa di Feudo Disisa, Monreale (PA)
– Arkè di Olio Arkè e Natura, Serradifalco (CL)

  • Sardegna

– San Giuliano – Bosana di Domenico Manca, Alghero (SS)
– S’ARD – Semidana di Franco Ledda, Oristano
– Evo Santa Suia di Santa Suia, Terralba (OR)

Guida agli Extravergini 2022 di Slow Food: i Grandi Oli Slow regione per regione

  • Trentino Alto-Adige

– 46° Parallelo del Frantoio di Riva, Riva del Garda (TN)
– Origini di Olio Cru, Riva del Garda (TN)

  • Veneto

– Riva Jacur di Luciano Breda, Sernaglia della Battaglia (TV)

  • Liguria

– Lavagnina di Orseggi, Lavagna (GE)

  • Emilia-Romagna

– Selezione Alina di Tenuta Pennita, Castrocaro Terme e Terra del Sole (FC)
– Uliveto del Fattore Selezione Rodolfo di Primo Fraternali Grilli, Montegridolfo (RN)

  • Toscana

– Poggio al Vento di Giancarlo Giannini, Arezzo
– Moraiolo di Fattoria Ramerino, Bagno a Ripoli (FI)
– Evo Terre di Cocomo di Terre di Còcomo, Buggiano (PT)
– Disperà – Razzo di Francesco Elter, Calci (PI)
– Frantoio di Fattoria Castellina, Capraia e Limite (FI)
– Evo Le Capanne di Le Capanne, Castiglione Fiorentino (AR)
– IGP Toscano Colline di Firenze di Buonamici, Fiesole (FI)
– Evo Balduccio di Balduccio, Lamporecchio (PT)
– Oro di Montedonico-Mignolo Cerretano di Montedonico, Lamporecchio (PT)
– Essenza di Stefano Spinelli, Lamporecchio (PT)
– Frantoio di La Cavallina, Larciano (PT)
– Moraiolo di Le Fontacce, Loro Ciuffenna (AR)
– OliVi Leggero – Leccino di Poggio Lecci, Magliano in Toscana (GR)
– Borgo Riparossa IGP Toscano di Magaez, Manciano (GR)
– Evo Maraviglia di Agricola Maraviglia, Monte San Savino (AR)
– Denocciolato di Tenuta di Ghizzano, Peccioli (PI)
– Caletra Bio – Leccio del Corno di Fattoria La Maliosa, Pitigliano (GR)
– Blend di Val di Lama, Pontedera (PI)
– Capriccio di Tosca di Pietrasca, Suvereto (LI)
– Evo Paterna Selezione di Paterna, Terranuova Bracciolini (AR)
– Insieme di Bellandi, Uzzano (PT)

  • Marche

– Ascolana Tenera di Cartofaro Agribiologica, Ascoli Piceno
– Assaggiami di Pantaleone, Ascoli Piceno
– Ascolana Tenera di Prosperino, Ascoli Piceno
– Ascolana Tenera di Montecappone, Jesi (AN)
– Mignola di Bartolucci, Monsano (AN)
– Lea di Olive Gregori, Montalto delle Marche (AP)
– Ascolana Tenera di Olive Gregori, Montalto delle Marche (AP)
– Frà Bernardo di Conventino Montericciardo, Montericciardo (PU)
– Gocce di Frantoio – Raggia di Barbara Pacioni, Montegranaro (FM)
– Gocce di Frantoio – Ascolana Tenera, Montegranaro (FM)
– Blend di I Tre Filari, Recanati (MC)

  • Umbria

– Sassente di Marfuga, Campello sul Clitunno (PG)
– L’Affiorante di Marfuga, Campello sul Clitunno (PG)
– Selection Bio di Luigi Tega, Foligno (PG)
– Costa del Riparo di Viola, Foligno (PG)
– DOP Umbria Colli del Trasimeno di CM Centrumbrie, Magione (PG)
– Olio della Pace di Fontanaro, Paciano (PG)
– Eco Batta di Giovanni Batta, Perugia
– DOP Umbria Colli del Trasimeno di Giovanni Batta, Perugia

  • Lazio

– Civitas di Masseria Raino, Itri (LT)

  • Abruzzo

– Trappeto di Caprafico DOP Colline Teatine di Tommaso Masciantonio, Casoli (CH)
– Intosso di Tommaso Masciantonio, Casoli (CH)
– Ninfa di Frantoio Mercurius, Penne (PE)
– Toccolana di Giardini di Giulio, Tocco da Casauria (PE)
– Ascolana di Giardini di Giulio, Tocco da Casauria (PE)

  • Molise

– Gentile di Mafalda di Trespaldum, Mafalda (CB)
– Colle D’Angiò – Rumignana di Giorgio Tamaro, Termoli (CB)
– Centolune di Terra Sacra, Termoli (CB)
– Lungarella di Andrea Caterina, Ururi (CB)

  • Campania

– Cru Orrico di Il Cappero, Anacapri (NA)
– Est di Alessia Avallone, Camerota (SA)
– Ortice di Francesco di D’Assisi, Casalduni (BN)
– Talismano di Marco Rizzo, Felitto (SA)
– Regio di Fontana Madonna, Frigento (AV)
– Di Mi di Tenuta di Minico, Melito Irpino (AV)
– Koinè – Tonda del Matese di Benedetta Cipriano, Piedimonte Matese (CE)
– Ortolana di Frantoio Romano, Ponte (BN)
– Trebula di Ragozzino – De Marco, Pontelatone (CE)
– Rao di Madonna dell’Olivo, Serre (SA)
– Spinosa di Olio D’Amore, Solopaca (BN)

  • Puglia

– Evo Le 4 Contrade di Le 4 Contrade, Andria
– Peranzana di Torrerivera, Andria
– Coratina di Adriatica Vivai, Fasano (BR)
– Cru112 di Tenuta Vanterra, Grottaglie (TA)
– Coratina di De Palma, Modugno (BA)
– Gran Pregio di Maria Caputo, Molfetta (BA)
– Riserva di Tommaso Fiore, Terlizzi (BA)
– Evo Cristofaro di Cristofaro, Torremaggiore (FG)

  • Basilicata

– Cenzino – Ogliarola del Bradano di Vincenzo Marvulli, Matera
– Effluvio di Filomena Carriero, Montescaglioso (MT)
– Giardino Arcieri – Etichetta Arancio di Francesco Gaetano Fanelli, San Mauro Forte (MT)
– Evo Mantenera di Mantenera, Tricarico (MT)

  • Calabria

– Pennulara di Rosanna Murgia, Caccuri (KR)
– Selezione Cataldo di Loredana Sapia, Calopezzati (CS)
– Lei di Doria, Cassano Allo Ionio (CS)
– Spezzanese di Arcaverde, Cerchiara di Calabria (CS)
– Tenute Cristiano – Carolea di Antonio Cristiano, Lamezia Terme (CZ)
– Delicato di Enotre, Mesoraca (KR)
– Nonno Peppe di Domenico Rotella, Tiriolo (CZ)
– Evo Torchia di Oleificio Federico Torchia, Tiriolo (CZ)
– Carolea di Tenute Pasquale Librandi, Vaccarizzo Albanese (CS)

  • Sicilia

– Evo Chiuddia di Chiuddia, Casteltermini (AG)
– Primo di Frantoi Cutrera, Chiaramonte Gulfi (RG)
– Evo Disisa Biologico di Feudo Disisa, Monreale (PA)
– Foglie di Platino IGP Sicilia – Nocellara del Belice di Vincenzo Signorelli, Nicolosi (CT)
– Olio di Casa Musso di Antonino Musso, Noto (SR)
– 6 File Grand Cru – Nocellara di Baglio Ingardia, Paceco (TP)
– Alberelli Grand Cru – Cerasuola di Baglio Ingardia, Paceco (TP)
– Siracusana – Zaituna di Tenuta Cavasecca, Siracusa
– Firrisa di Tenuta Cavasecca, Siracusa
– Blend di Titone, Trapani
– DOP Valli Trapanesi di Titone, Trapani

  • Sardegna

– Il Fruttato Verde di Accademia Olearia, Alghero (SS)
– DOP Sardegna di Accademia Olearia, Alghero (SS)
– Bosana di Corte Olìas, Escolca (CA)
– Donna Marisa DOP Sardegna di Il Giglio, Oristano
– Treslizos di Il Giglio, Oristano
– Ollu – Semidana di Rovelli, Oristano
– Cuncordu di Masoni Becciu, Villacidro (CA)
– Ispiritu Sardu di Masoni Becciu, Villacidro (CA).