La Mostra dell'Artigianato di Firenze imbocca la Route 66: U.S.A. ospite d'onore

Route 66 1Torna a Firenze, fino al primo maggio, la Mostra dell’Artigianato che da ben 81 dà sfoggio dei capolavori che hanno fatto la storia dei manufatti mondiali. Anche quest’ anno l’esposizione organizzata in almeno 800 stand andrà in scena presso la Fortezza del Basso, capolavoro di architettura rinascimentale del sedicesimo secolo, punto di riferimento per le fiere organizzate nella città degli Uffizi. Tra i tanti oggetti votati al culto del bello, molti dei quali realizzati dai bravissimi artigiani italiani, ampio spazio sarà dato alle opere provenienti dagli Stati Uniti. Atmosfere made in Usa troveranno posto in uno spazio espositivo di 500 metri quadri dove sono esposti oggetti che ripercorrono idealmente la mitica Route 66, una delle arterie principali del Nuovo Continente che attraversa alcuni degli stati più iconici d’oltreoceano.

fiera artigianato 1

Le testimonianze dell’epopea volta alla conquista del West, i manufatti dei nativi americani, gli oggetti pop del dopoguerra americano, sono solo alcune delle suggestioni a stelle e strisce che animeranno l’immaginario viaggio attraverso la highway americana, quella Route 66 che fa vivere, forte e vigoroso, il sogno americano nella bellezza dei suoi oggetti, unici, che raccontano un’epoca che ha influenzato tutta la cultura occidentale.

Ampio lo spazio dedicato ai pellerossa con la ricostruzione degli antichi villaggi indiani e la riproposizione degli oggetti utilizzati dai fieri abitanti delle terre americane prima della lenta ma inarrestabile avanzata dei coloni. Per ricordare usi e costumi dei nativi sono esposti anche cimeli provenienti dal set di “Balla coi Lupi” il kolossal con protagonista Kevin Costner che racconta proprio del difficile rapporto tra i nuovi abitanti d’America e i vecchi custodi dei terreni americani.

Pistole, cinturoni e stivali impolverati faranno la gioia degli amanti del western: molti gli stand dedicati al periodo primordiale della cultura americana, che ancora tanto fascino suscita tra gli italiani legati a una cultura tramandata soprattutto da opere cinematografica di grande successo.

Pensare alla Route 66 senza le meravigliose Harley Davidson, simbolo rombante della libertà americana è impossibile. Le mitiche motociclette contribuiscono a ricreare il mito americano attraverso alcuni stand completamente dedicati alla due ruote che ha fatto sognare intere generazioni. Ma le suggestioni americane non finiscono qui: tra tipico food made in U.S.A. accompagnato dalla inconfondibile colonna sonora con le suggestive note del Country, Blues e Swing la mostra dell’artigianato fiorentina immerge il visitatore negli United States.