Il castello di Pizzo Calabro e il fantasma di Gioacchino Murat

Rumori di catene, strane luci e sospiri, Il fantasma di Gioachino Murat si aggira nel Castello Aragonese di Pizzo in cerca di vendetta

Il castello di Pizzo Calabro e il fantasma di Gioacchino Murat

C’è chi è pronto a metterci la mano sul fuoco: presso il Castello Aragonese di Pizzo Calabro, in provincia di Vibo Valentia, si aggirerebbe il fantasma di Gioacchino Murat, generale francese, re di Napoli molto amato dal popolo, un po’ meno dal clero. Di umili origini, figlio di locandieri, dopo una fulminante carriera militare divenne il braccio destro di Napoleone. e da lì si rafforzò la sua parabola ascendente.

Valoroso soldato, ambizioso uomo politico, regnante caparbio, antesignano del Risorgimento. Joachim Murat-Jordy, riuscì nel giro di pochi anni a divincolarsi dal suo destino di ecclesiastico e a divenire, nel giro di pochi anni, uno degli uomini più potenti d’Europa.

Il castello di Pizzo Calabro e il fantasma di Gioacchino MuratNapoleone gli concesse di governare su Napoli durante il periodo passato alla storia come il decennio francese. Ma un accordo di alleanza con l’odiata Austria e l’abbandono del comando dell’armata francese, impegnata sul fronte russo, gli causarono le antipatie dell’imperatore francese che non accettò il suo aiuto, qualche anno più tardi, per combattere contro gli eserciti dell’alleanza anti-napoleonica.

Murat tentò allora di riconquistare il Regno di Napoli, nel frattempo finito nelle mani di Ferdinando I di Borbone, re di Sicilia, ma la fortuna gli voltò le spalle: salpato da Ajaccio con 250 uomini si ritrovò a Pizzo Calabro, nel territorio del nemico, a causa del tradimento del capo battaglione e con il suo manipolo di uomini decimato da una tempesta.

Immediatamente riconosciuto, venne catturato e imprigionato presso il Castello Aragonese e fucilato pochi giorni dopo. «Non mirate al volto, ma al cuore. Fuoco!» Queste le sue ultime parole che suscitarono, secondo le testimonianze, la commozione del plotone che gli tolse la vita.

Dopo questo episodio le cronache si fanno confuse. Il corpo dell’ex re di Napoli sarebbe sepolto nella navata centrale della Chiesa di San Giorgio del Castello o forse nella fossa comune della città calabra. Qualcuno sostiene che il corpo di Murat venne decapitato e la sua testa offerta al re, ben felice di un dono macabro ma tranquillizzante, per lo scampato pericolo. Di certo la morte violenta di Murat non venne dimenticata presto e c’è chi sostiene che l’anima tormentata del militare e regnante francese si aggiri ancora tra le mura del Castello che vide il tramonto dei suoi sogni di rivalsa

Secondo alcune testimonianze, agghiaccianti strepiti di catene si udirebbero nella chiesa dove è custodito il suo corpo, segno dell’irrequietezza del Re che non si è voluto arrendere nemmeno di fronte alla morte. Apparizioni improvvise, strane illuminazioni della navata, voci spettrali: c’è chi è pronto a giurare che lo spirito di Gioacchino Murat non abbia mai abbandonato le mura del Castello e che si aggiri ancora in cerca di riconquistare il proprio regno e la benevolenza di Napoleone Bonaparte

Pubblica un commento