"Hostaria": Verona si trasforma per una tre giorni di vino e cibo

Tre giorni dedicati al vino, ma anche al cibo, alla musica e alla cultura: a Verona torna "Hostaria"

Hostaria Verona

Hostaria”  apre i battenti per una tre giorni dedicata al vino, ma anche a musica, buon cibo e cultura. Inizia il 12 ottobre dalle 18, per concludersi domenica 14, la manifestazione che animerà le strade di Verona.

E le vie del centro della città del Veneto si trasformano in una grande “hostaria” a cielo aperto. Tre i chilometri di percorso che si snodano tra le vie e le piazze. Le cantine veronesi propongono degustazioni  di oltre 150 vini: dal Valpolicella al Bardolino, dal Lugana al Soave, passando per Custoza, Arcole Doc,  Terra dei Forti e Durello.

Nei Giardini dell’Arsenale spazio alle eccellenze vinicole che provengono da fuori Verona con un’area che sarà come una vera e propria “Foresteria” dove provare i prodotti delle cantine di tutta Italia.

Non mancherà la gastronomia, che si potrà gustare lungo tutto il percorso: si tratta di stand delle “sbecolerie” che proporranno ai visitatori i piatti della tradizione veronese.

Vino e cibo, ma non solo. In piazza dei Signori spazio alle “ciacole in piasa” ovvero conferenze aperte al pubblico. E per chi ama la birra, non mancherà uno spazio dedicato a questa bevanda molto apprezzata. In piazzetta Bra Molinari, sul lungadige, verrà ospitata la sezione birrifici artigianali di “Hostaria”.

La manifestazione si svolgerà in orari differenti e con un programma molto variegato.  Venerdì 12 prende il via dalle 18 per poi concludersi alle 23. Non mancherà la musica, già dall’inaugurazione alle 19 nel cortile Mercato Vecchio con dedica alla memoria del musicista Sergio Ravazzin: al piano Giannantonio Mutto. E poi musica itinerante, concerti e l’incontro alle 21 con lo scrittore Matteo Bussola “L’amore ti comincia”.

Sabato 13 dalle 11 alle 21 (dopofestival in piazzetta Bra Molinari dalle 21 alle 23) tra gli appuntamenti  si potrà ascoltare lo scrittore e autore radio  – televisivo Diego Cugia “Jack Folla è tornato” alle 16 nel Cortile Mercato Vecchio. Domenica 14 alle 11 nella chiesa di Sant’Anastasia si potrà assistere alla messa con la benedizione della vendemmia con il coro sardo delle Istelotte. Alle 16 nel cortile Mercato Vecchio conferenza dello scrittore e teologo Vito Macuso “Coltivare lo spirito”.

E poi non mancheranno altri momenti che cattureranno il pubblico mescolando, ad esempio, musica e poesie. Cinque gli ingressi al Festival “Hostaria”. Gli stand gastronomici e le attività culturali sono concentrati in tre aree principali collegate da un percorso che si può fare a piedi lungo circa 3 chilometri.

Il festival è organizzato dall’Associazione Culturale Hostaria con la collaborazione del Comune di Verona.