Zanzare tigre: la mappa delle province più infestate d'Italia

Dal 26 luglio al 1 agosto, secondo i dati di Vape Foundation divulgati da Anticimex, 67 province italiane saranno infestate da zanzare tigre

Zanzare tigre la mappa delle province più infestate d'Italia

Dopo qualche tentennamento l’estate sembra finalmente essere arrivata sulla penisola italiana con un aumento delle temperature che invita alle vacanze in mare e montagna. Un clima però che rende quanto mai favorevole il proliferare di zanzare, anche quelle tigre, potenziali portatrici di malattie anche gravi.

Quali sono le località maggiormente a rischio dove è più probabile essere attaccati dal temibile insetto dalle striature bianche?

Secondo i dati del bollettino meteo di Vape Foundation, leader nella lotta contro gli insetti nocivi,  divulgati da Anticimex, azienda internazionale specializzata nei servizi di igiene ambientale e nel Pest Management, nell’ultima settimana di luglio sono almeno 67 le province interessate da una potenziale infestazione di zanzare tigre.

 Nella regione Lazio la massima allerta si registra nelle province di Latina, Roma e Viterbo, con un indice 4, il massimo, che evidenzia quanto probabile sia trovarsi di fronte, in queste zone, all’attacco del fastidioso insetto. Anche in Friuli Venezia – Giulia, nelle province di Gorizia, Pordenone e Udine l’allerta è ai livelli vicini al massimo, toccando livello 3.

in Abruzzo su tutte le province tranne Teramo (indice 2); in Liguria su Imperia Savona, preferite a Genova e La Spezia (livello 3). Allerta massima in Puglia e Umbria, interamente prese d’assalto e anche in Sicilia, dove per trovare rifugio dalle punture bisogna recarsi a Palermo, che registra indice zero. In Basilicata meglio munirisi di spray anti zanzare se si vogliono visitare  Matera e Potenza che registano l’indice 4.

In Calabria, Campania e Marche gli indici oscillano ai massimi livelli un po’ in tutte le province.

Le zanzare non risparmiano la Sardegna che registra livelli 4 a CagliariCarbonia IglesiasMedio CampidanoOlbia – TempioOristano Sassari, e a seguire le province di Ogliastra Nuoro, al livello medio-alto (3).

In Lombardia gli insetti golosi di sangue umano saranno presenti principalmente nel territorio di Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Milano, Monza-Brianza, Pavia Varese, colpendo anche Bergamo Como, che presenteranno invece un indice medio-alto (3).

In Piemonte bersaglio delle zanzare saranno Alessandria, Asti, Novara Vercelli.  Nel Veneto si prevede un attacco massiccio dei fastidiosi insetti a PadovaRovigo, Venezia, Verona Vicenza, mentre in Toscana il livello medio alto interesserà le province di  Arezzo, Firenze, Livorno Lucca. 

Ma quali sono i fattori che influenzano la proliferazione delle zanzare? Sicuramente le alte temperature e le piogge. Valeria Paradiso, responsabile tecnico di Anticimex Italia ricorda che più le temperature si mantengono basse e più il ciclo di vita delle zanzare è lungo. Quando le temperature medie sono intorno ai 25°C, la zanzara può completare un ciclo di sviluppo in meno di 10 giorni. Ecco perché solitamente i picchi di massima densità si hanno solitamente nei periodi estivi. Le piogge abbondanti e frequenti innalzando il livello dell’acqua, determinano schiuse massive e creano molti focolai nuovi.”

 Zanzare tigre:la mappa delle province più infestate d'Italia

Meteo Zanzare – Le previsioni per la settimana dal 26 luglio al 1 agosto

INDICE POTENZIALE D’INFESTAZIONE NELLA SETTIMANA TENDENZA FUTURA D’INFESTAZIONE INDICE DI CALORE
Agrigento 4 Crescita ≤ 27°C
Alessandria 4 Crescita da 41 a 54°C
Ancona 4 Crescita da 41 a 54°C
Aosta 0 Stabile ≤ 27°C
Arezzo 3 Crescita da 32 a 40°C
Ascoli Piceno 2 Crescita da 27 a 32°C
Asti 4 Crescita da 41 a 54°C
Avellino 2 Crescita da 32 a 40°C
Bari 4 Crescita da 41 a 54°C
Barletta-Andria-Trani 4 Crescita da 41 a 54°C
Belluno 2 Stabile ≤ 27°C
Benevento 4 Crescita da 41 a 54°C
Bergamo 3 Stabile da 32 a 40°C
Biella 2 Crescita da 32 a 40°C
Bolzano 2 Stabile da 32 a 40°C
Brescia 4 Stabile da 32 a 40°C
Brindisi 4 Crescita da 32 a 40°C
Cagliari 4 Crescita da 41 a 54°C
Caltanissetta 4 Crescita da 41 a 54°C
Campobasso 2 Crescita da 32 a 40°C
Carbonia Iglesias 4 Crescita da 41 a 54°C
Caserta 4 Crescita da 41 a 54°C
Catania 4 Crescita da 41 a 54°C
Catanzaro 4 Crescita da 32 a 40°C
Chieti 4 Crescita da 41 a 54°C
Como 3 Crescita da 32 a 40°C
Cosenza 2 Crescita da 32 a 40°C
Cremona 4 Crescita da 41 a 54°C
Crotone 4 Crescita da 32 a 40°C
Cuneo 2 Crescita da 27 a 32°C
Enna 4 Crescita da 41 a 54°C
Fermo 4 Crescita da 32 a 40°C
Firenze 3 Crescita da 32 a 40°C
Foggia 4 Crescita da 41 a 54°C
Frosinone 2 Crescita da 32 a 40°C
Genova 3 Stabile ≤ 27°C
Gorizia 4 Crescita da 32 a 40°C
Grosseto 0 Stabile da 32 a 40°C
Imperia 4 Crescita da 32 a 40°C
Isernia 2 Crescita da 32 a 40°C
La Spezia 3 Crescita ≤ 27°C
L’Aquila 4 Crescita da 41 a 54°C
Latina 4 Crescita da 32 a 40°C
Lecce 4 Crescita da 41 a 54°C
Lecco 0 Stabile da 32 a 40°C
Livorno 3 Crescita ≤ 27°C
Lodi 4 Crescita da 32 a 40°C
Lucca 3 Crescita da 32 a 40°C
Macerata 4 Crescita da 41 a 54°C
Mantova 4 Crescita da 32 a 40°C
Massa Carrara 4 Crescita ≤ 27°C
Matera 4 Crescita da 41 a 54°C
Medio Campidano 4 Crescita da 41 a 54°C
Messina 4 Crescita da 32 a 40°C
Milano 4 Crescita da 32 a 40°C
Monza – Brianza 4 Crescita da 32 a 40°C
Napoli 4 Crescita ≤ 27°C
Novara 4 Crescita da 32 a 40°C
Nuoro 3 Crescita da 41 a 54°C
Ogliastra 3 Crescita da 32 a 40°C
Olbia – Tempio 4 Crescita da 41 a 54°C
Oristano 4 Crescita da 41 a 54°C
Padova 4 Stabile da 32 a 40°C
Palermo 0 Stabile da 41 a 54°C
Pavia 4 Stabile da 32 a 40°C
Perugia 4 Crescita da 41 a 54°C
Pesaro – Urbino 4 Crescita da 27 a 32°C
Pescara 4 Crescita da 41 a 54°C
Pisa 4 Crescita
Pubblica un commento