Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie d'Italia

Da Nord a Sud, le toasterie stanno invadendo l'Italia. Ecco dove trovare i toast più creativi, gourmet ed "extra large"

Se fino a poco tempo fa il toast era una semplice alternativa al classico panino, oggi è diventato il nuovo protagonista dello street food. Da Nord a Sud, i franchising di toasterie invadono le strade di molte città italiane, cavalcando l’onda della passione per i cibi genuini. Dimenticate i vecchi toast farciti solo con prosciutto e sottiletta: oggi si parla di vere e proprie specialità gourmet, sane e gustose, realizzate con materie prime di qualità, ingredienti ricercati e ricette sempre nuove e creative. Basandoci sui fattori sopraelencati, vi proponiamo di seguito quelle che, a nostro giudizio, sono le migliori toasterie del Paese.

Dove trovare i toast migliori d’Italia

Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie in Italia

Ad inventarsi la prima toasteria a Milano è stato Vincenzo Somma, titolare di “Mi Casa”. Affacciata su una tranquilla piazzetta della periferia milanese, in zona Turro, quest’oasi del gusto arredata in stile shabby chic offre ben 35 tipologie di toast farciti, realizzati con pane in cassetta artigianale, sfornato ogni mattina, e prodotti di qualità provenienti da aziende italiane. Toast simbolo del locale è l’omonimo “Mi Casa”, farcito con crema allo zafferano, pancetta, pomodori secchi, mandorle ed emulsione di grana.

Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie in Italia

Il miglior toast di Torino si può gustare al “John Toast”, franchising di recente apertura che unisce street food e qualità in un’offerta in continua evoluzione. Nel menù della toasteria situata in Corso Duca degli Abruzzi sono previsti tre tipo di toast: classico, “rusticoni” – realizzati con pane rustico – e gli “open sandwich”, serviti su piatto, con fetta di pane integrale ed ingredienti scelti secondo le migliori ricette internazionali

Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie in Italia

Per la sua seconda sede, “StreeToast” ha scelto via Irnerio a Bologna, dopo il successo riscontrato a Milano. Il nuovo locale è interamente dedicato a toast gourmet in formato maxi (15 centimetri per 18). Qui, il pane è realizzato con farina di mais e i clienti possono scegliere tra una grande varietà di abbinamenti, da quelli classici ai più originali, come il toast “Zen”, con salmone affumicato, avocado fresco, caprino e misticanza. Inoltre, ogni settimana si possono trovare toast fuori menù, realizzati con prodotti tipici locali.

Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie in Italia

Per trovare la toasteria espressa più social bisogna andare da “I’Tosto”Firenze, a pochi passi da piazza Duomo. Oltre a puntare su ricette gustose ed originali e pane in formato maxi, in tre diverse varietà (classico, integrale e 5 cereali), il locale fiorentino ha scelto di sfruttare al meglio i social, invitando i clienti a postare selfie con il loro toast preferito e l’hashtag #selfiecoitosto. L’originalità è anche nel nome dei toast proposti, tutti in dialetto fiorentino, come i popolari “I’Genio”, “I’Pizzicagnolo”, “I’Vegano”, “I’Giglio” e “I’Magnifico”.

Voglia di toast? Ecco le migliori toasterie in Italia copy

La prima toasteria take-away in Italia ha aperto invece a Napoli, nel cuore del Vomero, nel 2014. “Capatoast” si è rivelato ben presto un progetto di franchising vincente, che ha spopolato in lungo e in largo per lo Stivale, dal Piemonte alla Sicilia. L’idea è nata da un gruppo di giovani appassionati di cibo e comunicazione, che hanno deciso di dedicare uno street food store al trend culinario del momento. Il menù, studiato da chef professionisti, prevede ricette classiche, light, gourmet, vegane e vegetariane e della cucina internazionale. Particolarità non meno rilevante della toasteria take-away sono il wi-fi e la ricarica dello smartphone inclusi nel prezzo.

Pubblica un commento