Trulli Tales: i trulli pugliesi entreranno in tutte le case d'Europa (e non solo)

“Trulli Tales. Le avventure dei Trullaleri”: il cartone animato ambientato tra i trulli di Puglia è stato acquistato dalla Disney per la trasmissione in Europa, Africa e Medioriente

È una bella favola tutta italiana, quella di “Trulli Tales. Le avventure dei Trullaleri”. Nata dall’idea e dalla matita di due sorelle di Lecce, Maria Elena e Fiorella Congedo, è una serie animata in 2D che ha per protagonisti proprio i trulli, quelle antiche e splendide costruzioni coniche diffuse nella Puglia centro-meridionale. Un tempo ricovero temporaneo nelle campagne, o abitazioni permanenti per gli agricoltori, sono in molti casi – oggi – anche una meta turistica. Basti pensare ad Alberobello.

Trulli Tales: i trulli pugliesi entreranno in tutte le case d'Europa (e non solo)

Quegli stessi trulli, oggi, entreranno nelle case di tutto il mondo. O quasi. La Disney ha infatti acquistato i diritti di “Trulli Tales”, per mandare in onda la serie in Europa, in Africa e in Medioriente. I bambini di moltissime nazioni potranno divertirsi con le avventure di Ring, Sun, Zip e Stella. Con le loro magie, con i loro giochi all’interno di un uliveto secolare e del suo villaggio incantato. Con i loro tentativi di realizzare le ricette del libro parlante di Nonnatrulla, e di sventare i piani del pasticcione Copperpot. Solo che Trullolandia non è un villaggio di pura fantasia. Esiste per davvero, e si trova nel cuore della Puglia.“Trulli Tales. Le avventure dei Trullaleri” si ispira ad un vecchio libro edito dalla Congedo Editore. E ha un valore educativo. Per preparare le loro ricette, i simpatici maghetti utilizzano ingredienti sanissimi: frutta, verdura, legumi. Insegnando ai bambini – con divertimento e con giocosità – i principi della corretta alimentazione. E, sebbene non mancherà la puntata sui taralli (che della Puglia sono una delle tipicità), ci saranno anche ricette internazionali, a cominciare dai muffin. Lo scopo? Insegnare che nessun cibo è cattivo, che si può mangiar un hamburger senza che succeda niente. E che è l’esagerazione, a fare male. I protagonisti del cartone cucinano insieme, a mostrare quanto bello sia fare questo gesto con la propria famiglia e con i propri amici. Perché preparare da mangiare significa prendersi cura delle persone a cui si vuole bene.

I 52 episodi, dalla durata di undici minuti ciascuno, andranno in onda a partire dall’11 dicembre prossimo. In Italia li trasmetterà Disney Junior, ogni giorno alle 19.45 (ma la prossima primavera passeranno su Rai Yo Yo). In Francia, su Disney Channel, sono già visibili da qualche tempo. Ora, toccherà al resto dell’Europa. E, con lei, all’Africa e al Medioriente.