La Transiberiana d'Italia fa rotta verso i mercatini di Natale in Abruzzo

Dal trenino che porta alla scoperta di luoghi suggestivi alla casa di Babbo Natale a L'Aquila: ecco come aspettare il Natale in Abruzzo

mercatini

Come ogni anno, ormai, i mercatini di Natale diventano il momento delle pre-festività più atteso dell’anno. E in Abruzzo non possono mancare, insieme al trenino storico che farà la spola da Sulmona a Roccaraso con fermata a Campo di Giove dal 30 novembre al 23 dicembre. 

Colori, suoni, bancarelle, musica e degustazioni. Ogni città trasforma le proprie piazze innevate in piccoli villaggi di Babbo Natale. Per qualche ora si torna tutti bambini.

I mercatini si espandono da nord a sud della Penisola, ognuno promuovendo le proprie tipicità ed eccellenze.

La “fondazione Ferrovie dello Stato italiane“, ha promosso nuovamente un giro turistico in treno per accompagnare i visitatori da Sulmona a Roccaraso, indiscusse mete per gli amanti dei mercatini, grazie alla sua posizione. I treni viaggeranno dal 30 novembre al 23 dicembre dal venerdì alla domenica con due partenze giornaliere alle 8,45 e alle 10.

La rinomata località sciistica, infatti, sorge a cavallo tra l’Altopiano delle Cinquemiglia e montagne superiori ai 2000 metri di altezza.

Un vero e proprio “villaggio” natalizio, favorito dal clima continentale, con temperature che spesso non superano lo zero neanche di giorno.

Il treno storico, quindi, diventa una incredibile possibilità per stupirsi dai meravigliosi paesaggi del Parco Nazionale della Majella e degli Altipiani Maggiori di Abruzzo. La partenza è dalla “città dei confetti”, Sulmona, che aprirà le sue porte al clima natalizio già dal mese di novembre, offrendo concerti, spettacoli e sagre e laboratori per adulti e bambini. Roccaraso e Campo di Giove sono le altre due tappe.

Nella bellissima cornice del territorio aquilano, Campo di Giove (una fermata del treno storico) accoglie, dal 30 novembre al 23 dicembre 2018, i suggestivi Mercatini di Natale, forse la più grande sagra d’Abruzzo, che avvicina curiosi anche da altre regioni d’Italia. Gli spazi espositivi sono moltissimi e l’artigianato locale è il focus della festa. È facile incontrare un produttore del posto che racconti la sua storia e quella dei suoi prodotti, mescolandole alle tradizioni di un territorio ricco di folklori popolari.

Non mancheranno le occasioni di trovare gli spaghetti alla chitarra in versione “street food”, tipici Abruzzesi e, più precisamente, della provincia aquilana, così come gli arrosticini, patroni della regione.

Altro tassello per assaporare appieno l’atmosfera natalizia sarà nel capoluogo. L’Aquila ospiterà per tre giorni, dall’8 al 10 dicembre, la casa di Babbo Natale, patrocinata dal Comune e dal Comitato Unicef per l’Abruzzo. L’evento, oltre ad un momento di gioia, si pone come un’ulteriore prova della grande forza di un territorio provato, distrutto ma con una dignità e voglia di superare le difficoltà.

Pubblica un commento