Torna il Salone della cultura a Milano

Il 19 e il 20 gennaio Milano ospita il Salone della Cultura, manifestazione interamente dedicata al mondo dei libri e dell'editoria

A Milano arriva il salone della cultura

Milano torna ad essere capitale del sapere: nella città meneghina arriva infatti la terza edizione del Salone della cultura, in scena il 19 e 20 gennaio 2019.

Come nelle precedenti edizioni, che avevano accolto fino a 60.000 visitatori, l’evento si svolgerà negli spazi di SuperStudio Più di via Tortona: 12.000 mq che ospiteranno mostre, laboratori e, soprattutto, migliaia di libri. Sono infatti loro i grandi protagonisti del Salone della Cultura: i volumi tra i quali gli amanti della letteratura potranno cercare quello più adatto alle loro esigenze.

Proprio per venire incontro alle necessità di tutti gli appassionati, ci saranno diverse sezioni specifiche. La sezione “Nuova Editoria”, ad esempio, è dedicata alle nuove proposte editoriali che riguardano la letteratura per bambini, saggistica, orientalistica e fumettistica, mentre “Libro d’occasione” si rivolge a chi ama acquistare libri di seconda mano per donargli una nuova vita. Completano l’offerta la sezione “Collezionismo“, che risponde alle esigenze dei collezionisti privati alla ricerca dei migliori libri d’autore, e “A.L.A.I. / I.L.A.B.”, (ovvero Associazioni Librai Antiquari Italiani e International league of antiquarian booksellers) con prestigiosi, rari e introvabili volumi.

Non mancheranno comunque altre iniziative come i laboratori, che permetteranno ai visitatori di mettersi alla prova con una serie di attività estremamente creative. Si potrà scegliere, ad esempio, tra corsi di realizzazione di gioielli di carta o di incisione, o si potranno seguire lezioni di calligrafia o disegno e fumetto.

Degne di nota anche le mostre del Salone della cultura. Tra queste, l’esposizione dedicata a Janusz Korczak, che ripercorre gli aspetti e le opere più significative della vita dello scrittore e medico polacco. Per gli amanti della fotografia ci sono invece l’esposizione dedicata alla travel blogger Maria Giorgia Romiti e “Testimone del mondo, che include 40 scatti in bianco e nero realizzati negli anni Sessanta da Folco Quilici. Arte a 360 gradi con la mostra “Liber, un insieme di sculture e installazioni realizzate con libri di scarto.

Dulcis in fundo, il Salone della cultura offre un’imperdibile occasione agli aspiranti scrittori: grazie a Xerox si potranno stampare gratuitamente i  manoscritti compilando un form sul sito ufficiale della manifestazione, e ritirare poi il volume nei giorni dell’evento a Milano. Perché la cultura, oltre ad essere celebrata, va in qualche modo anche aiutata.

Pubblica un commento