Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sono

Dal Duomo di Milano al Tempio della Concordia di Agrigento: tra le pagine del passaporto c'è una rassegna dei monumenti italiani più belli

 

Fondamentale compagno di viaggio, indispensabile per raggiungere le destinazioni che non rientrano nei trattati di Schengen, il passaporto è forse il documento più affascinante che un cittadino italiano possa ottenere e custodire. Il lasciapassare consente di visitare quasi tutti i paesi del mondo e racchiude tra le sue pagine un indiscutibile fascino: lo stemma della Repubblica Italiana color oro sulla copertina bordeaux richiama un senso di libertà, di avventura e scoperta che pochi altri oggetti riescono a evocare.

Ma anche quando ci si trova nel più esotico dei paesi il passaporto della nostra Repubblica ricorda la terra natìa e le sue eccellenze: su ognuna delle 48 pagine, infatti, sono raffigurati alcuni dei più bei monumenti ed edifici che costellano la nostra Penisola.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoScorrendo i fogli del documento vengono ripetuti, a più riprese, due meraviglie del Belpaese: su tutte le pagine pari vi è raffigurata la pavimentazione della Piazza del Campidoglio, il disegno realizzato nel XVI secolo da Michelangelo Buonarroti, lo stesso presente sulle monete da 50 centesimi, assieme alla celebre raffigurazione della statua equestre di Marco Aurelio. Sulle pagine dispari, invece, vi è rappresentata la pavimentazione della piazza e del rosone del Duomo di Orvieto altra sontuosità dell’architettura italiana, la cui perfezione è ricercata da turisti di tutto il mondo.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoAd accompagnare il capolavoro dell’architettura gotica dell’Italia centrale, sono proposte in rassegna altre meraviglie italiane, un compendio di straordinarie opere che ricordano quanto ricco sia il patrimonio artistico e culturale italiano.

A pagina 7, in un’ideale connubio di bellezze del Nord e del Sud, sono raffigurati il Teatro Romano di Aosta, costruzione effettuata dai romani all’ombra delle Alpi nel 25 a.C. e il Tempio della Concordia di Agrigento, una delle perle della Valle dei Templi, strabiliante testimonianza del mondo ellenico.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sono

A pagina 9 si trova uno degli orgogli architettonici della Calabria: la chiesa bizantina di Cattolica di Stilo, candidata a diventare Patrimonio dell’umanità Unesco, e che ha rappresentato la regione Calabria all’Esposizione Universale di Milano del 2015.

Continuando a sfogliare le pagine del passaporto si riconoscono, a pagina 11, i contorni della controfacciata del Tempietto longobardo di Cividale del Friuli, una delle più importanti testimonianze architettoniche dell’epoca longobarda e che oggi ospita l’oratorio di Santa Maria in Valle.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoOpera inconfondibile, testimonianza diretta del potere di Federico II nel meridione d’Italia, ricca di fascino e mistero, la pagina 15 dei passaporti rilasciati dalle questure raffigura una delle opere architettoniche più affascinanti del sud Italia: Castel del Monte, la fortezza a pianta ottagonale voluta dall’imperatore di Svevia che tutt’oggi è oggetto dibattito sulla sua reale funzione. Stalla del re? Osservatorio astronomico? Crocevia esoterico? L’unica certezza di questo enigma di pietra – situata a poca distanza da Andria – è la sua iscrizione a bene protetto dall’Unesco.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoVoltando pagina, la caratteristica silhouette della Basilica di San Petronio di Bologna, principale luogo sacro del capoluogo emiliano, e i meravigliosi archi ogivali traforati di Palazzo Ducale di Venezia ricordano al viaggiatore che sfoglia il proprio passaporto quanta bellezza sia racchiusa nella penisola italiana. Quella stessa bellezza di cui il Museo civico Gaetano Filangieri, orgoglio napoletano rappresentato a pagina 19, custodisce gelosamente presso Palazzo Como dove opere pittoriche e libri antichi vengono conservati con grande cura.

L’assonometria del Palazzo Ducale di Urbino, la bella cupola della chiesa di San Lorenzo di Torino e la sezione del Palazzo Balbi-Senarega di Genova, uno dei 42 palazzi iscritti ai Rolli di Genova divenuti nel 2006 Patrimonio Unesco, continuano la rassegna di magnificenze architettoniche italiane racchiuse nei fogli del passaporto che man mano che si sfoglia somiglia sempre più a una guida turistica d’eccellenza piuttosto che a un importante documento.

Un’impressione confermata dalle altre bellezze raffigurate nei fogli del documento concesso ai cittadini dal Ministero dell’Interno: a pagina 27 ci sono le sezioni di una delle cupole della Basilica di San Marco di Venezia e della Chiesa della Madonna del Carmine di Torino. Il carosello d’eccellenza continua con l’Arco della Pace di Milano, il Palazzo della Provincia di Sassari, l’Aula Paolo VI di Roma e il Palazzo della Prefettura di Potenza, posizionate tutte tra pagina 29 e pagina 35 del passaporto. Tra queste pagine c’è anche spazio per alcuni templi dell’agonismo, come il Palazzetto dello Sport di Roma e lo Stadio Artemio Franchi di Firenze, protagonista delle partite che la Fiorentina gioca in casa.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoNelle ultime pagine del documento non si lesina certo sulla qualità delle opere rappresentate: a pagina 37 c’è la Chiesa di Santa Susanna alle terme di Diocleziano, situata a Roma, sulla facciata della pagina 41 è rappresentato il Duomo di Milano, simbolo della città della Madonnina, sul foglio successivo prede posto la magnifica facciata della Basilica di Santa Maria Novella di Firenze e infine, nelle ultime due pagine, quasi a voler dare un colpo di grazia di bellezza, sono rappresentati i contorni della basilica di San Nicola a Bari, la sezione trasversale della Basilica di San Francesco ad Assisi e il Pantheon di Roma.

Nel passaporto sono raffigurati i monumenti più belli del Belpaese, ecco quali sonoSfogliare un passaporto italiano risulta essere un inebriante viaggio nelle struggenti bellezze di tutta Italia. Un vero e proprio trionfo di meraviglie che sembra quasi voglia convincere i viaggiatori italiani a tornare presto a casa e a godere delle meraviglie della nostra Penisola.

Pubblica un commento