Questo sito contribuisce all’audience di

Virgilio InItalia

Come sarà Roma tra 100 anni: lo svela l'Intelligenza Artificiale

La mostra "Roma 2123" ci rivela come sarà la capitale tra 100 anni, in otto splendide maxi opere realizzate grazie all'Intelligenza Artificiale

Roma

Monumenti storici e splendide aree archeologiche, chiese antiche e giardini rigogliosi, ma anche traffico e inquinamento: Roma è una delle città più belle d’Italia, affascinante in ogni sua sfumatura, nei suoi mille volti che conquistano i turisti. Come sarà nel futuro? La mostra “Roma 2123” ci permette di squarciare il velo del tempo e dare una sbirciata a quello che potrebbe accadere tra 100 anni alla nostra meravigliosa capitale. Le opere, realizzate grazie all’aiuto dell’Intelligenza Artificiale, ci rivelano qualcosa di sorprendente.

“Roma 2123”, la mostra sul futuro della capitale

Uno sguardo al futuro: è questo l’obiettivo di “Roma 2123”, la nuova mostra che porta in scena gigantografie uniche, le quali mirano a svelarci quello che sarà il volto della Città Eterna quando noi ormai non saremo più qui per vederlo con i nostri occhi. Tra 100 anni potrebbe cambiare tutto, ma il fascino della capitale rimarrà immutato. A rivelarcelo è l’Intelligenza Artificiale, che con un semplice input umano ha ricreato per noi uno scorcio di futuro. Sono bastate poche descrizioni di testo, lettere e parole che un potente algoritmo ha sapientemente rielaborato in bellissime riproduzioni visive, oggi disponibili al pubblico.

La mostra è visitabile presso la Galleria Alberto Sordi situata in Piazza Colonna, nel cuore del centro storico di Roma. Aperta dai tre ingressi, la galleria è ancora nel pieno dei lavori di restyling che, secondo quanto previsto dagli esperti, dovrebbero terminare solamente in autunno. Per il momento, ospita quello che è un appuntamento imperdibile per cittadini e turisti, curiosi di sbirciare il destino della capitale. “Roma 2123” è caratterizzata da 8 maxi-opere che conducono i visitatori alla scoperta di una città diversa, come nessuno l’aveva mai vista. È uno scenario futuristico che vede architettura e tecnologia lavorare insieme a supporto dell’individuo, in un’ottica green e sostenibile.

Come sarà Roma tra 100 anni

Cosa ci rivelano le opere d’arte esposte durante la mostra intitolata “Roma 2123”? La capitale si trasformerà in una città green d’eccellenza, a partire dalla mobilità urbana: ci sarà ampio spazio per la realizzazione di numerose piste ciclabili e sopraelevate, che gli abitanti potranno percorrere a piedi o in bici, limitando il traffico e il conseguente smog. Le piante la faranno da padrona, in modo che gli itinerari siano immersi nel verde rigoglioso, per poter respirare aria pulita anche in centro. La sostenibilità passerà poi anche dall’architettura, che finalmente potrebbe trovare il suo giusto equilibrio con la natura.

Gli edifici del futuro avranno non solamente un forte impatto estetico, ma accoglieranno anche una fitta vegetazione: saranno loro i veri “polmoni verdi” di Roma, assieme ai parchi pubblici che continueranno a proliferare. Naturalmente, tra 100 anni ci saranno novità anche nel mondo dello shopping, con negozi che ci guideranno ad acquisti sempre più consapevoli, per non rinunciare alla moda pur sostenendo l’ecologia. Infine, le gigantografie esposte alla Galleria Alberto Sordi ci conducono per mano tra le novità più suggestive in fatto di vita mondana: l’Intelligenza Artificiale ha immaginato per noi una realtà fatta di bubble restaurant, per vivere esperienze uniche a contatto con la natura anche nel cuore pulsante della capitale.