I fantasmi del castello di Sannazzaro

Il castello di Sannazzaro dalla sua edificazione, nella seconda metà del 1200, non ha mai cambiato i proprietari. E al suo interno vi sono molti misteri

castello sannazzaro

Realizzato in seguito a un’onorificenza che Federico Barbarossa diede a quattro cavalieri della famiglia, il castello di Giarole in provincia di Alessandria è quindi databile intorno al seconda metà del 1200 e da allora è di proprietà della stessa famiglia Sannazzaro.

Situato nel borgo di Giarole, tra Casale Monferrato e Valenza, nel corso dei secoli è stato oggetto di diversi interventi, ma non ha mai cambiato proprietari. A circondarlo un ampio parco con giardino all’inglese.

Decorazioni, ingrandimenti, il tempo lo ha visto mutare da quella che era la parte più antica della struttura che si trova a sud-est. Una parte dell’edificio è stata oggetto di restauro nel Settecento, mentre i lavori più impegnativi sono databili  intorno alla metà dell’Ottocento. Periodo durante questo periodo nasce una leggenda misteriosa legata al castello.

All’epoca infatti vennero eseguiti i suggestivi affreschi che campeggiano in alcune aree del castello. Per questa storia dobbiamo concentrarci in particolare su quelli della sala da ballo. Lì pare che un pittore (della famiglia torinese Grosso), intento al lavoro di decorazione del soffitto, sia caduto dalla scala morendo. Il mistero è legato proprio alla sua presenza, pare infatti che un fantasma si aggiri in piena notte facendo qualche “scherzo”: le luci del castello che spesso si accendono senza spiegazione, porte che si aprono e altre invece che vengono chiuse a chiave.

Attirati dalla fama “infestata” di questo imponente castello qualche anno fa sul posto si sono recati i Legends Investigations, un gruppo che si occupa di indagare su questi misteri. Nello specifico, come viene spiegato sul loro sito internet, fanno delle verifiche su luoghi misteriosi per scoprire se le leggende che si narrano intorno a loro sono vere oppure no.

Questi sono stati diverse volte al castello e hanno esplorato alcuni ambienti per portare avanti le loro indagini paranormali, dall’ultima in ordine di tempo pare siano state individuate due figure: il volto di un bambino, già incontrato in sessioni precedenti, e una figura femminile. Insomma misteri che si aggiungono ad altri misteri e che rendono questo castello un luogo dal fascino molto particolare, come anche altri sparsi nella penisola italiana.

Oggi in questa suggestiva struttura si può soggiornare grazie a camere bed & breakfast, si può prendere parte a visite guidate oppure può essere scelta come location di eventi privati.

Pubblica un commento