Dopo 100 anni tornano le cicogne nella bassa bergamasca

Dopo 100 anni di assenza le cicogne sono tornate nella zona, grande festa per il rilascio della prima coppia della voliera del Parco regionale del Serio

Erano almeno 100 anni che questo animale era sparito dalla zona: stiamo parlando delle cicogne, che non si vedevano da molto nella bassa bergamasca. Ma il tempo passato è d’obbligo infatti la bella notizia è che hanno fatto il loro ritorno sul territorio grazie a un progetto che ha visto il suo culmine recentemente.

Più precisamente lo scorso sabato 30 marzo 2019 quando, con una cerimonia-evento alla quale hanno preso parte famiglie e bambini, sono stati liberati i primi esemplari di cicogna bianca nati e cresciuti all’interno della grande voliera inaugurata nel 2016 dal Parco regionale del Serio in località Cascina Risorta a Romano di Lombardia (in provincia di Bergamo).

Questi animali non si vedevano da almeno 100 anni nel territorio, ma ora le cicogne sono finalmente tornate in quest’area. Alla festa, che si è tenuta presso la voliera del Parco, erano presenti anche l’assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Maria Terzi, già assessore all’Ambiente, Dimitri Donati presidente del Parco regionale del Serio, Francesco Bettoni presidente della A35 Brebemi e Sebastian Nicoli sindaco di Romano.

Il centro cicogne è stato realizzato con il determinante contributo di A35 Brebemi, ovvero il collegamento autostradale diretto tra Brescia e Milano che si estende per una lunghezza di 62,1 chilometri. E solo dopo pochi anni già si sono potuti liberare i primi esemplari. Inoltre va ricordato che altre cicogne selvatiche sono state attratte in quest’area proprio grazie al progetto. Si tratta non solo di animali splendidi ma anche di un indicatore della qualità dell’ambiente.

Inoltre nel futuro il centro sarà ampliato grazie ancora ad A35 Brebemi che ha ufficializzato un nuovo contributo al Parco di 218 mila euro di cui 64 mila andranno a favore di questa struttura.

“Questo rilascio – afferma Francesco Bettoni, Presidente della A35  Brebemi – ha un forte valore simbolico,che testimonia il miglioramento dell’ambiente in questa zona. Sapevamo che l’autostrada sarebbe stata un’occasione per valorizzare i territori che attraversa e così sta accadendo”.

“Oggi è una giornata importantissima – ha aggiunto Dimitri Donati presidente del Parco regionale del Serio – perché abbiamo rilasciato la prima coppia di cicogne della nostra voliera. Senza il contributo di Brebemi oggi non saremmo qua e grazie anche a una nuova recente convenzione potremo, nei prossimi mesi, intraprendere altre opere e altri interventi di mitigazione e compensazione ambientale per rendere il nostro territorio sempre più bello e vissuto”.