A Perugia arriva la Madonna Benois di Leonardo

L'opera, considerata uno dei capolavori giovanili del genio fiorentino, sarà esposta dal 4 luglio al 4 agosto grazie ad un accordo con l'Hermitage

Madonna di Benois a Perugia

Appassionati d’arte di tutta Italia prendete nota: dal 4 luglio al 4 agosto Perugia ospiterà uno dei capolavori di Leonardo, ovvero la Madonna Benois.

L’opera torna in Italia dopo 35 anni dalla sua unica esposizione: proveniente dall‘Ermitage di San Pietroburgo, sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria. L’appuntamento, una delle iniziative che celebrano il quinto centenario della morte del genio fiorentino, vivrà un momento preliminare alla Pinacoteca di Fabriano, dal 1 al 30 giugno.

“La Madonna Benois” è una delle opere giovanili più popolari del Genio, che rilegge in modo del tutto personale l’iconografia religiosa. A ventisei anni, l’artista inventa infatti una nuova figura di Maria: non più l’imperturbabile Regina dei cieli, ma una semplice madre che gioca con il proprio figlio.

Dipinta con ogni probabilità tra il 1478 e il 1480, l’opera segna il primo passo di Leonardo lontano dallo stile e dalla formazione di Verrocchio. Un manifesto di quella “maniera moderna” di cui l’artista fu iniziatore, e che ha ispirato migliaia di pittori e scultori dopo di lui, fino ai giorni nostri. A differenza di chi lo aveva preceduto, Da Vinci fa scendere la Vergine dal trono e la fa sedere su una panca, in una stanza di casa abitata.

La “Madonna Benois” entrò nelle collezioni del museo di San Pietroburgo nel 1914,  venduta da Marija Aleksandrovna Benois, una nobildonna che la aveva ereditata dal nonno paterno, mercante in Astrachan. Il quadro entrò a far parte della collezione permanente a un prezzo inferiore a quello di mercato, perché la sua ex proprietaria voleva fortemente che restasse in Russia.

Non si hanno comunque notizie sulla sua storia prima dell’Ottocento, ma sin dalla prima esposizione, nel 1908,  tutti gli storici dell’arte del periodo lo assegnarono a Leonardo. L’attribuzione negli anni ha ricevuto ulteriori conferme, e ad oggi non sembrano esserci dubbi sul fatto che a dipingere la Madonna di Benois sia stato proprio Leonardo Da Vinci.

Quella con Perugia sarà la seconda collaborazione tra il Museo dell’Hermitage ed una struttura italiana in concomitanza con i 500 anni dalla morte di Leonardo. Sempre dall’istituzione russa proviene infatti la  Madonna Litta, che sarà in mostra a Milano dall’8 novembre per tre mesi.