Gucci sfila ai musei capitolini e restaura la Rupe Tarpea

La maison Gucci ha annunciato la sfilata della sua collezione nei Musei Capitolini e anche i lavori a una location storica della Capitale

sfilata gucci

Moda, storia e recupero:  tre elementi che stanno alla base del coinvolgimento della Maison di moda Gucci a Roma.

L’appuntamento da segnare in agenda è quello del 28 maggio 2019 quando la collezione Cruise 2020 sfilerà in una location dal grande fascino. Si tratta dei Musei Capitolini di Roma, infatti Alessandro Michele, direttore creativo, ha deciso di tornare nei luoghi della sua infanzia, in uno spazio che custodisce antichità e storia secolare.

La Maison Gucci si è inoltre resa disponibile per portare vanti il progetto di recupero della Rupe Tarpea, parete rocciosa che si trova nell’area sud del Campidoglio.

Un luogo che trasuda passato e storia:  basti pensare che al tempo dei Romani pare che da lì venissero buttati nel Foro Romano i condannati a morte e chi non voleva testimoniare. Il restauro, grazie al finanziamento di Gucci, riporterà all’antico fascino questo “pezzo di passato”.

E non è la prima casa di moda a promuovere progetti di questo tipo. Recentemente Bulgari  ha finanziato dei lavori agli scavi di largo Argentina, noti per essere stati il luogo dove si consumarono le celebri “Idi di Marzo”. Gli interventi prenderanno il via nel 2021. In passato la stessa maison aveva contribuito con dei fondi per il restauro della Scalinata Trinità dei Monti.

Fendi invece si è occupata del restauro della Fontana di Trevi, mentre i lavori al Colosseo sono stati possibili anche grazie al contributo di Tods.

Un connubio tra passato e moda che trova nell’arte il suo punto di incontro.

E punto d’incontro lo sarà anche per la sfilata in programma per il 29 maggio all’interno dei Musei Capitolini di Roma. Gucci, come viene spiegato in una nota, vuole promuovere e valorizzare un patrimonio artistico unico al mondo. Aperti nel 1734 , sotto papa Clemente XII, sembra che siano i primi musei accessibili a tutti.

Non è la prima volta che la casa di moda sceglie location uniche per le sue filate, già in passato le collezioni sono state presentate in luoghi di grande fascino. Dalla Dia – Art Foundation di New York, ai suggestivi chiostri dell’Abbazia di Westminster a Londra, senza dimenticare la Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze e gli Alyscamps in Francia, ad Arles.

Pubblica un commento