Giro d’Italia 2017: ecco i monumenti che si tingeranno di rosa

A 100 giorni dalla partenza, per omaggiare il centenario del Giro d’Italia, le città delle tappe 2017 coloreranno di rosa i propri monumenti

A 100 giorni dall’inizio del Giro d’Italia, i monumenti delle principali città protagoniste della gara ciclistica si tingono di rosa. Un importante omaggio che dà inizio al countdown in vista dell’edizione numero 100 della “Corsa Rosa”. Tutte le città di tappa hanno già iniziato ad illuminare i propri monumenti del colore che da ormai quasi un secolo accompagna le pedalate dei più grandi campioni italiani di ciclismo. Un’iniziativa che accende ancora di più la passione per la manifestazione.

Si parte il 5 maggio da Alghero, in Sardegna, dove la Torre di Sulis si è già colorata di rosa. Stesse sfumature cromatiche per il Museo Archeologico e la Chiesa di San Simplicio di Olbia, gli scogli rossi di Arbatax, in provincia di Nuoro, e il Palazzo Civico di Cagliari.

In attesa che, in primavera, i corridori raggiungano i traguardi della gara ciclistica su strada, anche le altre città che verranno toccate dalle tappe iniziano a prendere dimestichezza con il colore del Giro d’Italia.
Al Sud, i riflettori rosa si accenderanno sulla statua della Dea Athena sul lungomare di Reggio Calabria e sullo scoglio della Regina di Acquappesa, presso Terme Luigiane, in provincia di Cosenza. In Calabria, tra i monumenti che si accenderanno di rosa per il Giro d’Italia troviamo anche lo storico Palazzo di Città di Castrovillari.
In Puglia, inedite sfumature cromatiche illumineranno il Duomo di Molfetta e la Porta del Ponte a Peschici, le stesse che colorano il Trullo Sovrano di Alberobello.

Percorrendo lo Stivale in bicicletta, il giro toccherà anche il Molise, dove si tingono del colore della maglia le Mura del Belvedere di Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso, e l’Umbria, dove si può ammirare una versione del tutto inedita di Palazzo del Municipio di Montefalco, in provincia di Perugia.

Al Nord, i corridori vedranno accendersi di rosa, tra i vari monumenti, la Fontana del Teatro Municipale di Reggio Emilia e quella del Nettuno di Firenze.
Di rosa sono tinte anche Torre Branca a Milano e la Tribuna Centrale dell’Autodromo di Monza. Lo stesso è avvenuto a Bergamo Alta, per la Porta di San Giacomo e a Rovetta, nella piazza principale.
In Valtellina il rosa omaggia sullo Stelvio la Stele dedicata al grande Fausto Coppi. Il monumento è dipinto con i colori che il “campionissimo” ha indossato nelle volate che lo hanno incoronato vincitore del Giro d’Italia per ben cinque volte.

A Biella, il Battistero ha già cambiato la consueta tonalità per salutare il centenario del Giro,  così come Piazza del Duomo, a Tortona. E intanto si tingono del colore della maglia persino le sculture di ghiaccio di Ortisei, in provincia di Bolzano.
Uno spettacolo unico ed emozionante, da ammirare in tutta la Penisola, in attesa che il Giro d’Italia sia finalmente pronto alla partenza.

 

di