Bellaria vuole dedicare il lungomare a Raffaella Carrà

Il sindaco e la giunta della cittadina romagnola hanno approvato l'intitolazione del nuovo lungomare all'iconica artista, che vi ha abitato sino ai 10 anni

Raffaella Carrà

Dopo la Spagna, anche l’Italia dedica una strada a Raffaella Carrà, morta a 78 anni lo scorso 5 luglio. Il sindaco del Comune di Bellaria-Igea Marina, in Emilia Romagna, ha annunciato che il nuovo lungomare di Bellaria sarà intitolato proprio all’iconica conduttrice e cantante italiana dall’inconfondibile caschetto biondo.

Perché Bellaria vuole intitolare il lungomare a Raffaella Carrà

 La decisione del Comune conferma lo stretto legame che Raffaella Carrà aveva con la cittadina romagnola. Pur nata a Bologna, sino ai 10 anni ha studiato a Bellaria, dove il padre gestiva diversi bar e la nonna una gelateria. A Bellaria aveva anche conosciuto Gianni Morandi, che ha voluto ricordare su Facebook proprio i momenti trascorsi con lei nella località balneare.

“Ricordo la nostra adolescenza a Bellaria, nei primissimi anni ‘60, d’estate, quando io cantavo al caffè concerto ‘Nuovo fiore’, in piazza Matteotti e tua nonna Andreina si affacciava alla finestra, lì sopra, mi ascoltava e mi salutava col braccio – ha scritto Morandi – Ricordo te, che abitavi con lei e venivi a giocare a ping-pong alla sala ‘Cristallo’ e a tutti noi ragazzini che ti ronzavamo intorno, regalavi sorrisi e poi scappavi verso i tuoi sogni, la danza e la musica”.

Le parole del sindaco

Raffaella Carrà è dunque rimasta legata a Bellaria, e la città in provincia di Rimini a lei, come confermato dal sindaco Filippo Giorgetti in alcune dichiarazioni riportate dal ‘Corriere della Sera’: “La legge ci impone di aspettare dieci anni (per l’intitolazione del lungomare, ndr) ma abbiamo parlato con il prefetto: chiederemo una deroga”, ha detto il primo cittadino.

Nei giorni successivi alla morte di Raffaella Carrà il Comune di Bellaria aveva organizzato una serie di iniziative per renderle omaggio, dalla diffusione delle sue canzoni su viale Paolo Guidi, dove ha vissuto, al flash mobilità in piazza Matteotti passando per altri tributi. La sua morte, arrivata come un fulmine a ciel sereno, aveva anche spinto il Comune ha proclamare il lutto cittadino.

“La comunità di Bellaria Igea Marina mai l’ha dimenticata – aveva detto il sindaco – e sempre ha visto nel suo successo quello di una nostra concittadina”.

Prima di Bellaria era stata Madrid a fare un tributo a Raffaella Carrà, dedicandole una piazza fra i numeri civici 43 e 45 della calle Fuencarral.