A Roma arrivano 4 "isole ambientali": cosa sono e dove nasceranno

Al via il progetto per la realizzazione di quattro "isole ambientali" a Roma nei quartieri Garbatella, San Paolo, Montagnola e Navigatori-Tor Marancia

Roma, San Paolo

Stanno per arrivare quattro “isole ambientali” a Roma: il progetto del Municipio VIII prevede, entro la fine dell’anno, la creazione di zone non attraversate dal grande traffico di scorrimento con marciapiedi più larghi, spazi pedonali e tanti locali.

Le “isole ambientali” interesseranno quattro quartieri della Capitale: Garbatella, San Paolo, Montagnola e Navigatori-Tor Marancia. Questi quartieri sono risultati adatti per la realizzazione di piani di mobilità alternativa che servono per creare una vera rete capillare di piste ciclabili sul territorio, in connessione con quelle già esistenti.

In queste zone di Roma, che ha riaperto l’Orto Botanico dopo la chiusura causata dall’emergenza Coronavirus, la velocità massima consentita sarà di 30 chilometri orari. L’obiettivo è quello di ridurre al minimo il traffico delle automobili, creare marciapiedi più ampi, carreggiate d’ingresso e sensi unici.

Nel quartiere della Garbatella, che quest’anno ha festeggiato i suoi 100 anni, l’asse principale Zona 30 sarà via Macinghi Strozzi e abbraccerà la sede del Municipio e il Parco Nobels. Il progetto prevede il coinvolgimento di una zona che va da via delle Sette Chiese a via della Villa di Lucina, inglobando anche il Parco Brin, il Palladium, la biblioteca Moby Dick fino e viale Massaia.

Viale Lenoardo da Vinci, invece, sarà l’asse principale della Zona 30 di San Paolo. Previsti nuovi arredi urbani, parcheggi e marciapiedi più larghi. Via Giovannipoli sarà connessa alla Garbatella e abbraccerà  scuole, le facoltà dell’Università di Roma Tre, Asl e bocciofila. Poi via Tito per raggiungere la ciclabile Giustiniano Imperatore fino a via Silvio D’Amico e alla ciclabile Ostiense.

La zona a velocità limitata del quartiere Montagnola interesserà viale Pico della Mirandola dall’incrocio con via Leonori a piazzale Caduti della Montagnola comprendendo il Mercato Montagnola, Parco Don Picchi e l’ufficio postale.

L’asse principale della nuova “isola ambientale” di Navigatori-Tor Marancia, invece, coinvolgerà via Tito Omboni e un reticolo di piste ciclabili collegate con le altre già presenti che si connetteranno con l’Appia Antica, Parco Scott, via di Santa Petronilla, il Parco della Torre e l’ex Fiera di Roma.

Il progetto delle “isole ambientali” di Roma, che presto avrà il suo Lungotevere dedicato a Federico Fellini, segue quanto già successo in altre grandi città europee come Parigi, Madrid e Barcellona. Le strade della Capitale coinvolte avranno una sicurezza maggiore, una nuova segnaletica verticale e orizzontale, più spazi all’aperto e vie riservate alle biciclette e ai pedoni. I lavori saranno completati entro la fine dell’anno.