Ritrovato il cappello smarrito al raduno degli Alpini a Milano

L'appello social della figlia ha sortito i frutti sperati: Bruno ha ritrovato il suo copricapo dopo una ricerca durata una settimana

Cappello Alpini

Il cappello smarrito da Bruno all’adunata degli Alpini a Milano, lo scorso 11 maggio, è stato ritrovato.

Ad annunciarlo è stata la figlia Letizia che aveva lanciato un appello a Radio Deejay, chiedendo aiuto attraverso un post su Facebook per ritrovare il cimelio al quale il padre era molto affezionato.

Con una lettera, rivolta all’emittente radiofonica, ha voluto manifestare tutta la sua gioia: “Non riesco ad esprimere la gioia nel dirvi che abbiamo ritrovato il cappello del mio babbo – ha scritto Letizia – in tantissimi hanno condiviso l’appello o mi hanno contattata per segnalarmi le immagini di altri cappelli ritrovati. A metà settimana, un ragazzo di Varese ha commentato il post dicendo che era sicuro di avere il cappello di mio padre. Io l’ho subito ricontatto, e ho approfondito la questione facendomi mandare delle foto. Dalle immagini sembrava proprio quello del mio babbo, ma ho preferito farmelo recapitare per avere la certezza. Tutto all’insaputa di mio padre, per potergli fare una sorpresa”.

Bruno aveva smarrito il suo cappello all’adunata degli Alpini, andata in scena a Milano dal 10 al 12 maggio. Lo aveva dimenticato in un bagno chimico nelle immediate vicinanze di Parco Sempione, area Castello. durante la mattina di sabato 11. La figlia aveva lanciato l’appello tramite la pagina Facebook di Radio Deejay, al quale si era unito anche il COA-Comitato Organizzatore Adunata Milano 2019, facendo leva sulla nota solidarietà degli alpini. Dopo sette giorni di speranze e circa 20 mila condivisioni sui social, il cappello di Bruno è finalmente tornato a casa.

La sua gioia è stata incontenibile, perché il cappello da alpino, consegnatogli cinquanta anni fa all’inizio della leva militare, era tutto per il signor Bruno. “È tornato! È tornato! Grazie! Grazie!” continuava a ripetere mentre poteva finalmente stringerlo tra le sua mani e indossarlo, dopo una settimana in cui aveva quasi perso le speranze. Una soddisfazione doppia, visto che come raccontato da sua figlia Letizia, potrà ancora realizzare il sogno di accompagnarla all’altare indossando il cappello da alpino.

Non è il primo caso di cappello perso da un alpino: in occasione del raduno di Milano, in tanti hanno segnalato sui social lo smarrimento del proprio copricapo, tanto da portare alla nascita di una pagina chiamata ‘Cappelli persi e trovati’ che aiutasse nelle varie segnalazioni.