Stavoli di Moggio Udinese, il borgo raggiungibile solo a piedi

Alla scoperta del piccolo paese friulano che in seguito al guasto della teleferica può essere raggiunto solamente a piedi o in elicottero

Camminata

In Friuli c’è un piccolo paese che è raggiungibile esclusivamente a piedi o in elicottero e rivive solo due volte l’anno, in occasione dei giorni di festa.

Si tratta di Stavoli di Moggio Udinese, un borgo friulano più unico che raro. A causa di un drammatico incidente, la teleferica che serviva a trasportare ogni cosa verso la cittadina è ferma da oltre un anno. Il paese è arroccato a 588 metri di altitudine e non può essere raggiunto con automobili o altri mezzi di trasporto. Esistono due sole alternative a disposizione per chi vuole visitarlo: recarsi lì a piedi, seguendo un sentiero, oppure con un viaggio in elicottero.

Non è mai esistita una strada che dal fondovalle conduce direttamente verso la piccola frazione friulana. Una ventina di famiglie circa hanno acquistato lì la loro seconda casa, ma da più di un anno non possono più usufruire della teleferica utilizzata per trasportare di tutto, a partire dai genere alimentari. Nonostante questo enorme disagio, il paese continua a vivere nei giorni di festa, due volte all’anno. Nell’ultimo, lo scorso 30 giugno 2019, più di 400 persone si sono recate a Stavoli di Moggio Udinese a piedi, in occasione di una sagra.

Per raggiungere il borgo bisogna percorrere il sentiero che parte da Campiolo Alta e costeggia il Torrente Glagnò. Una volta arrivati lì, si prende la salita per il Pacol di Stai e si salgono qualcosa come 400 scalini che portano fino a Stavoli. Il percorso richiede circa 35 minuti di tempo, per una salita che ripaga i visitatori con un panorama straordinario una volta arrivati in cima.

Il minuscolo borgo di Stavoli di Moggio Udinese, in Friuli-Venezia Giulia, rappresenta il luogo ideale per chi ha voglia di provare un’esperienza unica e fuori dal mondo, con una passeggiata che permette di stare a contatto con la natura. I turisti arrivano in paese in numero limitato, ma i curiosi non mancano, nonostante i disagi causati dal guasto della teleferica. La frazione moggese può essere raggiunta anche in elicottero, effettuando un giro panoramico che, da sopra ai luoghi animati da una delle due feste annuali, passa anche sulle splendide montagne circostanti.