Natale di solidarietà a Napoli con il “Giocattolo Sospeso”

A Napoli, chi lo desidera potrà comprare un giocattolo e lasciarne un altro pagato per i bambini in difficoltà. Ecco i negozi che hanno aderito

Dopo il caffè sospeso, Napoli scende in campo per le famiglie in difficoltà con il “Giocattolo Sospeso”, pensato per i bambini meno fortunati che, a Natale, rischiano di non trovare un giocattolo sotto l’albero.
Chi lo desidera, potrà comprare un giocattolo e lasciarne un altro pagato per un bimbo che non può permetterselo, presso i negozi che hanno aderito all’iniziativa, promossa dall’assessore ai Giovani del Comune di Napoli, Alessandra Clemente, e dall’assessore alle Pari Opportunità, Daniela Villani.

A chi decide di lasciare un giocattolo sospeso per un bambino in difficoltà, il negoziante rilascerà uno scontrino di cortesia e scriverà il nome dell’acquirente in un apposito registro conservato nel suo negozio. Per ritirare il giocattolo sospeso, bisognerà consegnare alla cassa la fotocopia di un documento d’identità.
Andando sul sito del Comune di Napoli, si potrà consultare l’elenco delle giocattolerie della città partenopea che hanno aderito al “Giocattolo Sospeso” e il codice etico per sposare l’iniziativa solidale.
“Un appello al cuore dei napoletani, perché il cuore di questa città è grande”, ha commentato l’assessore Alessandra Clemente.

“Ci sentiamo di dare anche noi il nostro contributo verso quelle persone e quei bambini che a Natale si aspettano qualcosa sotto l’albero e magari non possono permetterselo”, ha dichiarato Rosario Ferrara, titolare del negozio “La Girandola Giocattoli”, in via Toledo, dove il 13 dicembre è stata presentata l’iniziativa solidale, con due padrini d’eccezione, gli attori Adriano Pantaleo e Francesco Di Leva.

Tra i negozi che hanno aderito al progetto c’è anche “Junior Giocattoli”, tra i primi in Italia in cui è in vendita una linea di giocattoli dedicata ai bambini autistici.
Per la città di Napoli si tratta di un altro grande gesto di solidarietà, dopo il caffè sospeso, un’usanza che dal capoluogo partenopeo ha fatto il giro del mondo, inglobando nella rete di solidarietà anche altre iniziative, come la pizza o il pane, fino al giocattolo sospeso, per regalare un gioco – e un sorriso – ai bambini meno fortunati.
“Una bellissima iniziativa che sosteniamo e condividiamo – ha commentato il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris – Di solidarietà, di amore e di dono, come è e deve essere il Natale nella nostra città: pensare sempre a chi sta in difficoltà”.

Ecco l’elenco dei negozi che hanno aderito al “Giocattolo Sospeso”

  • Junior Giocattoli, via Pisciscelli 25
    Casa mia, via Cilea 115
    Natullo toys , via Nazionale 52
    Natullo toys, Corso Garibaldi 301
    Natullo toys, via A. Ranieri 51
    Leonettti, via Toledo 350
    Leonetti, via Crispi 82
    La Girandola Giocattoli, via Toledo 400
    La Girandola Giocattoli, via E.Nicolardi 158-162
    Gerardi e Fortura, viale Kennedy 119
    Baby Bendrew, via Kerbaker 100/102
    L’Etoile, via Stella 140
    Arcobaleno Toys, Viale Colli Aminei 72
    Giochi in legno idee regali e Carillon di Onorato Vincenzo, Via Montesanto, 58
    Bibi – Libreria dei Ragazzi, Via Raimondo de Sangro di San Severo, 6