Milano si prepara alla prima della Scala: vip e programma

Milano si prepara alla prima della stagione teatrale alla Scala: "Attila" di Giuseppe Verdi andrà in scena il 7 dicembre 2018

prima teatro alla scala milano

È una delle serate mondane più attese non solo dai salotti bene di Milano, ma di tutta Italia. Stiamo parlando della prima della Scala: momento di grande cultura, passerella per vip ma non solo.

L’appuntamento con l’apertura della nuova stagione sarà il 7 dicembre 2018 alle 18 con “Attila” di Giuseppe Verdi, diretto da Riccardo Chailly.

La serata andrà in onda in televisione in diretta mondiale su Rai 1, Radio 3 e Rai Cultura. Secondo rapidi calcoli sembra che l’opera sarà vista da oltre due milioni di persone.

Numeri da record per l’evento più atteso dell’anno e per un’opera che andò in scena la prima volta al teatro La Fenice di Venezia nel 1846. Si tratta della nona opera di Giuseppe Verdi.

La regia sarà a cura di Davide Livermore. Il protagonista sarà interpretato da Ildar Abdrazakov (terza volta per lui una prima della Scala), Saioa Hernández, interpreterà Odabella; Fabio Sartori Foresto, mentre George Petean vestirà i panni di Ezio. Per quanto riguarda il Coro del Teatro alla Scale e il Coro di Voci Bianche dell’Accademia Teatro alla Scala a dirigerli sarà il Maestro Bruno Casoni.

L’allestimento pare che non prevederà la caduta del ponte su cui avviene un faccia a faccia tra Attila ed Ezio, ma la struttura si dividerà senza distruggersi. Questo per rispetto dei fatti e delle vittime di Genova.

Tra le persone sedute in platea non mancheranno i politici. È atteso anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che presenzierà per la prima volta dal suo insediamento. Presenze anche del Governo con tre ministri: Alberto Bonisoli (Beni Culturali), Marco Bussetti (Istruzione) e Giovanni Tria (Economia). In forse Matteo Salvini vicepremier e Ministro dell’Interno.

Naturalmente non mancheranno vip, perché la prima del Teatro alla Scala a Milano è una passerella molto ambita, oltre che luogo centrale della cultura e della società italiana.

Nel corso degli anni è stata anche la location scelta per manifestazioni e proteste. A partire dal ’68, con vernice rossa e uova lanciate sul pubblico che si apprestava ad entrare, fino a quella contro le pellicce che hanno visto in prima fila Marina Ripa di Meana a seno nudo.

Per la prima di quest’anno i biglietti sono esauriti, mentre il Comune di Milano ha scelto di rinunciare ai ticket riservati e il ricavato andrà al Teatro. Per i giovani (che dal 2019 potranno accedere ad alcuni spettacoli a due euro) anteprima il 4 dicembre.

L’inaugurazione della stagione teatrale verrà proiettato in diretta in 37 location fuori e dentro Milano.

Pubblica un commento